DAL MONDO15:16 - 26 luglio 2010

Gaza, niente colonie estive Onu: «troppo occidentali»

Abu Mazen ha deciso di negare il permesso per allestire i campi di gioco e di istruzione che avrebbero dovuto essere piantati sulla spiaggia. Motivo: «rischiano di contaminarsi» coi costumi occidentali contrari ai dettami dell'Islam

di Angelo Sarasi
<p>Gaza, niente colonie estive Onu: «troppo occidentali»</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

I bambini di Gaza le aspettano in grazia ogni estate, ma quest'anno dovranno probabilmente rinunciare alle colonie estive organizzate dall'Onu.

L'organizzazione islamica Hamas, che gestice la Striscia dopo averla sottratta al controllo dell'Autorità Palestinese di Abu Mazen, ha deciso di negare il permesso per allestire i campi di gioco e di istruzione che avrebbero dovuto essere piantati sulla spiaggia di Gaza, destinati a 250 mila bambini, ovvero un quarto della popolazione della Striscia.

La motivazione ufficiale convince poco l'Onu: per Hamas i bambini rischierebbero di farsi «contaminare» dai costumi occidentali contrari ai dettami dell'Islam. In realtà, dietro questa decisione ci sarebbe una sorta di «guerra delle colonie».

Anche Hamas, infatti, ha organizzato i propri campi estivi, compresi quelli della jihad Islamica in cui i bambini vengono addestrati persino all'uso delle armi. Anche gli Imam, nelle loro preghiere settimanali, si sono scagliati contro le colonie dell'Onu. Difficile, dunque, che il divieto rientri.

VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
nadia 74 mesi fa

ops...la striscia di Gaza è stata lasciata libera unilateralmente dall'allora Primo Ministro Sharon!

nadia 74 mesi fa

ecco la verita'! e questa dovrebbe fare il giro del mondo e soprattutto per i sinistri d'Italia che gridano sempre poverini sti palestinesi!!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).