DAL MONDO13:04 - 28 luglio 2010

Barcellona vieta la corrida

Il parlamento catalano ha approvato l'abolizione dello spettacolo nelle arene nella regione con 68 voti a favore, 55 contrari e 9 astensioni

di Lavinia Farnese
<p>Barcellona vieta la corrida</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

In Spagna, dal 2012, chiuderanno le arene della Catalogna. Ovvero: fine delle corride a Barcellona. Il parlamento catalano ne ha approvato oggi l'abolizione. In 68 hanno votato a favore, in 55 contro, in 9 si sono sostenuti. Fatto sta che è passata «un'iniziativa legislativa popolare», che era stata sostenuta da 180 mila firme.

«Ci sono alcune tradizioni che non possono restare congelate nel tempo», ha detto Jose Rull, parlamentare del Ciu, il partito nazionalista catalano. «Non dobbiamo proibire ogni cosa, ma le cose più degradanti dovrebbero esserlo», ha commentato.

La Catalogna è la seconda regione iberica a fare a meno dello spettacolo tradizionale di tori e toreri. L'arcipelago delle Canarie aveva detto «Non più, grazie» nel 1991.

Che cosa ne pensi? Dì la tua

Leggi anche:

>> Torero impaurito lascia arena, arrestato

>> Madrid, tutti nudi contro la corrida

>> Catalogna: stop alla corrida






Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).