DALL'ITALIA09:03 - 28 luglio 2010

Genitori «rapiscono» la figlia che gli era stata tolta: fermati in Svizzera

A Massimiliano Camparini, 40 anni, e Gilda Fontana, 45, padre e madre di Anna Giulia, 5, era stata tolta la potestà genitoriale nel 2008. Sono andati alla casa vacanze di Massa Marittima, cui la bambina era stata affidata. E se la sono ripresa. La fuga però è durata poco

di Lavinia Farnese
<p>Genitori «rapiscono» la figlia che gli era stata tolta: fermati
in Svizzera</p>

Per problemi di tossicodipendenza, nel 2008 il Tribunale per i minorenni gli aveva tolto la potestà genitoriale sulla bambina. Ma Massimiliano Camparini, 40 anni, e Gilda Fontana, 45, padre e madre di Anna Giulia, 5, non si sono mai rassegnati all'idea di averla persa. Così, sono andati nella casa vacanze in Versilia cui era stata affidata. Hanno minacciato le suore. E se la sono ripresa.

La fuga, però, è durata solo 12 giorni: i coniugi sono stati fermati in Svizzera e riportati a Massa Marittima, dove sono indagati per sottrazione di minore. Nel frattempo, Anna Giulia è stata riaffidata alla tutrice.

Stando ai racconti dell'avvocato di famiglia, la bambina ha avuto «una reazione bruttissima» al momento del distacco dai genitori. Che con lei hanno trascorso «i giorni più belli della loro vita».

Non è la prima volta che i due provano a riappropriarsi della figlia. Era successo già il 5 marzo scorso, durante un incontro a Reggio Emilia: hanno distratto un'assistente sociale e sono fuggiti con la piccola in Slovenia, salvo poi essere fermati. Il 5 aprile, padre e madre si sono poi incatenati davanti al Colosseo, a Roma. Il 3 maggio, hanno scritto una lettera al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano perché li aiutasse.

Leggi anche:

>> Bambina rapita dai genitori tossicodipendenti

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).