DALL'ITALIA09:34 - 28 luglio 2010

Perché la rivoluzione Fiat di Marchionne riguarda tutti i lavoratori

La «new company» Fiat può cambiare tutti i futuri rapporti di lavoro. Si va verso l'addio al contratto dei metalmeccanici e (forse) a Confindustria. Mentre i sindacati si ricompattano

di Giorgio Dell'Arti
<p>Perché la rivoluzione Fiat di Marchionne riguarda tutti i
lavoratori</p>
PHOTO LAPRESSE

Mercoledì scorso, all'incontro convocato dal ministro del Lavoro Maurizio Sacconi a Torino con governo e sindacati, Sergio Marchionne ha fatto sapere che la Fiat potrebbe uscire da Federmeccanica, quindi da Confindustria, per dare vita a un contratto autonomo del settore auto. La decisione era presa, la lettera di disdetta era pronta per essere consegnata ai sindacati di categoria giovedì, ma il Lingotto ha deciso di congelare tutto per un paio di mesi, in attesa di trovare un accordo con Confindustria. In ogni caso, la strada intrapresa dalla Fiat sarà una rivoluzione per le relazioni industriali e per i contratti nazionali in Italia.

CONSEGUENZE DELLA NEWCO
Intanto la notizia certa è che Fiat ha già creato una newco, Fabbrica Italia Pomigliano, per rilanciare lo stabilimento campano ed evitare che i ricorsi della Fiom contro l'accordo su Pomigliano raggiunto tra l'azienda e i sindacati (Cgil esclusa) il 15 giugno scorso vadano a buon fine e annullino l'intesa. C'è il rischio infatti che questa venga dichiarata incompatibile con il contratto nazionale dei metalmeccanici. Di qui la necessità, per l'azienda, di abbandonare il contratto nazionale che regola i rapporti con i dipendenti.

FABBRICA ITALIA POMIGLIANO
La nuova società di Pomigliano è stata iscritta al Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Torino il 19 luglio, è controllata al 100% da Fiat Partecipazioni, ha un capitale di 50mila euro e il presidente è Sergio Marchionne. Fabbrica Italia Pomigliano è la new company attraverso cui saranno riassunti, con un nuovo contratto, i 5.200 lavoratori attuali della fabbrica campana. All'incontro con i sindacati metalmeccanici di giovedì è arrivata la conferma ufficiale che la newco partirà dal settembre 2011 e non si iscriverà all'Unione Industriali di Napoli e, dunque, a Federmeccanica. I lavoratori che accetteranno le nuove regole entreranno progressivamente nella società, per gli altri ci sarà prima la cassa integrazione e poi la mobilità in Fiat Group.

IL CONTRATTO METALMECCANICI
Il contratto nazionale dei metalmeccanici è firmato dai sindacati di categoria e dalla Federmeccanica, l'associazione padronale di Confindustria che rappresenta le aziende del settore. L'ultimo contratto dei metalmeccanici, sottoscritto anche dal Lingotto, è valido fino al 31 dicembre 2011. Rinunciare a quel contratto comporta un'uscita dall'associazione.

I TIMORI DI CONFINDUSTRIA
Poiché Pomigliano fa parte di Fiat Group Automobiles, la disdetta dovrà partire da quest'ultima e potrebbe riguardare a quel punto anche gli stabilimenti di Mirafiori, Cassino e Termini Imerese. Una volta che Fiat si sarà sganciata dal contratto dei metalmeccanici, potrebbe fare da apripista per le altre aziende del settore, in particolare per quelle dell'indotto. Gli effetti pratici non si vedrebbero fino alla scadenza del contratto, cioè il 2012, ma l'idea spaventa lo stesso Confindustria, che teme di uscirne indebolita al punto da risultar svuotata.
Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria, ha avanzato una proposta meno radicale a Marchionne: per la newco di Pomigliano basterebbe ricorrere alle deroghe previste dalla riforma del contratto già firmata da Cisl, Uil, Fismic e Ugl un anno fa, senza la necessità di disdettare il contratto nazionale dei metelmeccanici.

LA FEDERAUTO DI FIAT
Marchionne avrebbe invece presentato alla Marcegaglia una soluzione alternativa: creare l'associazione di un comparto a parte - cioè il comparto auto - separato dal resto dell'industria meccanica, e con un contratto tutto suo. Una specie di FederAuto, in cui Fiat sarebbe praticamente da sola al comando, seguita dalle imprese dell'indotto. Questa FederAuto aderirebbe a Confindustria. Questa sembra l'ipotesi più concreta dopo il faccia a faccia che i due hanno avuto mercoledì.

Succedesse, per Federmeccanica sarebbe un colpo grave. Oggi l'associazione di settore ha 12mila aziende iscritte, con 900mila addetti (sulle 60mila imprese del settore, che hanno un milione e 600mila dipendenti). Di questi, circa 100mila sono tute blu Fiat. Tutto il settore auto, in Italia, ha 175mila addetti.

FEDERMECCANICA
Con 900mila addetti Federmeccanica è anche una delle maggiori associazioni di settore aderenti a Confindustria: ha in pratica un quinto dei lavoratori di tutta l'associazione. Confindustria ha 142mila iscritti che danno lavoro a 4,9 milioni di persone.

Fiat, che ha in Italia 85mila dipendenti in tutto, rappresenta tra il 2 e il 4% degli introiti di Confindustria e il 15% di quelli di Federmeccanica. Paga quote annuali comprese tra i 10 e i 20 milioni di euro. L'addio alla sola Federmeccanica vale 25mila lavoratori Fiat: circa 3 milioni di euro.

SINDACATI RICOMPATTATI
L'ipotesi che Fiat abbandoni il contratto nazionale ha ricompattato il fronte dei sindacati. La Fiom di Maurizio Landini ha parlato del «più grave attacco ai diritti dei lavoratori dal 1945 a oggi». Raffaele Bonanni della Cisl ha avvertito: «Se si dovesse cambiare il contratto o addirittura disdettarlo saremmo costretti a mostrare tutto il nostro dissenso». Per Luigi Angeletti della Uil «è un argomento che non può essere affrontato prima della scadenza del contratto nel 2012. È inutile parlarne ora».
Ai sindacalisti presenti giovedì all'incontro a Torino con la Fiat è stata poi letta la lettera con il congelato annuncio della disdetta da parte di Fiat Group Automobiles. «Senza l'incontro Marchionne-Marcegaglia ce l'avrebbero data oggi. L'hanno sospesa per due mesi, ma, senza fatti nuovi, ce la consegneranno il 31 ottobre» ha fatto sapere uno dei rappresentanti degli operai.

IL DESTINO DI MIRAFIORI
Oggi al tavolo del Governo l'altro tema da affrontare è il destino dello stabilimento di Mirafiori. La settimana scorsa il Lingotto ha annunciato che verrà prodotta in Serbia la nuova monovolume, indicata come L0, che dalla fine del prossimo anno sostituirà la Lancia Musa, la Fiat Idea e Multipla. Lo spostamento della produzione non sembra più in discussione, nonostante le dichiarazioni di Sacconi («La partita è ancora aperta»). Secondo l'ad della Fiat «il trasferimento in Serbia non danneggia Mirafiori». Si tratta ora di garantire allo stabilimento torinese adeguati volumi produttivi, attraverso altri modelli (le auto di lusso?). Dalla seconda metà del 2011 usciranno da Pomigliano le nuove Panda: a regime ne verranno realizzate 270.00 all'anno.

STIPENDI A CONFRONTO
Un operaio di Mirafiori o di Pomigliano d'Arco prende uno stipendio lordo mensile di 1.750 euro e costa all'azienda 3.400 euro. In Polonia lo stesso operaio prende in busta paga 800 euro al mese lordi e costa all'azienda 1.280 euro. In Serbia un operaio assunto all'ex fabbrica della Zastava, ora di proprietà del Lingotto, guadagna 500 euro lordi al mese e costa alla Fiat 750 euro.

FIAT MULTINAZIONALE
La Fiat ha fatto sapere che oggi sarebbe in grado di realizzare oltreconfine l'intera produzione italiana. È il segno che l'azienda un tempo torinese sta diventando più multinazionale delle case tedesche e francesi.

IL PIANO INDUSTRIALE
Secondo i calcoli della banca inglese Barclays, nel 2010 i quattro maggiori stabilimenti italiani della Fiat (Mirafiori, Pomigliano, Cassino, Melfi) produrranno 475mila vetture a fronte di una capacità potenziale di 700mila pezzi. Il piano industriale presentato lo scorso aprile da Marchionne indica un target di 1,4 milioni di vetture prodotte in Italia nel 2014. È questo il Progetto Italia che prevede anche un investimento nel nostro paese di 20 miliardi di euro nei prossimi cinque anni, anche se nei giorni scorsi Marchionne ha fatto sapere che il piano potrebbe essere ridimensionato qualora non ci fossero «garanzie che gli stabilimenti possano funzionare». Lo spostamento di produzione da Mirafiori a Zastava della piattaforma L0 allontana naturalmente l'obiettivo indicato.

«Ma è mai possibile che da quando sono alla Fiat nessuno dei miei colleghi di tutto il mondo mi abbia chiesto informazioni per venire a produrre in Italia?» domandava giorni fa Marchionne, sottintendendo che nel nostro Paese investire non conviene.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).