DAL MONDO08:37 - 29 luglio 2010

Francia, otto neonati sepolti dalla madre

Avrebbe confessato di aver ucciso i figli per nascondere le sue gravidanze al marito, la donna fermata a Villers-au-Tertre, in Francia.La quarantacinquenne e' stata fermata insieme al marito dopo il ritrovamento dei cadaveri di 8 neonati.

di Greta Privitera
<p>Francia, otto neonati sepolti dalla madre</p>
PHOTO GETTY IMAGES

La Francia si risveglia sconvolta alla scoperta di otto cadaveri di neonati, seppelliti da oltre dodici anni nel giardino di una casa nel paesino di Villers-au-Tetre, un villaggio di 700 abitanti a pochi chilometri da Douai, nel Nord.

Tutto è cominciato quando il nuovo proprietario della villetta ha deciso di fare dei lavori nel giardino, installare una piccola piscina. Scavando appena sotto la superficie del prato ha estratto con sorpresa alcuni sacchi. Li ha aperti: dentro c'erano i frammenti di piccoli scheletri, sembravano quelli di neonati. Il medico legale ha confermato che si trattava di bambini uccisi subito dopo il parto.

Le indagini si sono subito indirizzate verso gli ex proprietari che da poco tempo avevano venduto lo stabile con l'annesso giardino. Condotti in caserma, la donna avrebbe confessato assumendosi la responsabilità del pluri-infanticidio. Avrebbe raccontato agli inquirenti di aver partorito ininterrottamente da circa dodici anni e di volta in volta avrebbe ucciso i suoi figli con lo scopo di nascondere le gravidanze al marito.

Una versione che, per quanto ritenuta adesso ufficiale, gli investigatori intendono approfondire. Resta da capire come abbia potuto fare la donna a partorire ripetutamente, uccidere e celare le salme agli occhi del coniuge.

VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).