DALL'ITALIA09:49 - 30 luglio 2010

In Italia i corpi dei due militari uccisi in Afghanistan

Il C-130 con a bordo le salme dei due militari uccisi, maresciallo Mauro Gigli e del caporalmaggiore capo genio guastatori Pierdavide De Cillis, è atterrato all'aeroporto militare di Ciampino intorno alle 9.

di Greta Privitera
<p>In Italia i corpi dei due militari uccisi in Afghanistan</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Il C-130 con a bordo le salme dei due militari uccisi mercoledì da una bomba a Herat, in Afghanistan, il maresciallo Mauro Gigli e il caporalmaggiore capo genio guastatori Pierdavide De Cillis, è atterrato all'aeroporto militare di Ciampino.

Ad accogliere le salme dei due militari italiani uccisi mercoledì scorso da una bomba a Herat in Afghanistan, oltre ai familiari c'era il capo dello stato Giorgio Napolitano. Con lui, il ministro della Difesa Ignazio la Russa, i presidenti del Senato Schifani e della Corte costituzionale Francesco Amirante, il ministro Renato Brunetta, il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini e il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Le due bare del primo maresciallo Mauro Gigli e del caporalmaggiore capo Pierdavide De Cillis, avvolte nel tricolore, sono state fatte scendere dal C-130 portate a braccia dai commilitoni del IX Reggimento l'Aquila. Dopo la benedizione da parte dell'Ordinario militare, Vincenzo Pelvi, il Capo dello Stato si è avvicinato e, deponendo ambedue le mani sulle bare ha reso omaggio ai militari.

Oggi pomeriggio, dalle 15 alle 16.30 presso l'ospedale Celio di Roma sarà allestita una camera ardente. Le esequie solenni si terranno nella Basilica di Santa Maria degli Angeli, sempre nella Capitale, alle 18.


VAI ALLA PAGINA DI NEWS

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).