DAL MONDO16:58 - 30 luglio 2010

Sarkozy: «No alla cittadinanza francese a chi attacca la polizia»

Dopo le violenze di Grenoble e Saint Aignan, il presidente francese propone una misura repressiva che mette nel mirino tutta la comunità francese d'origini straniere.

di Greta Privitera
<p>Sarkozy: «No alla cittadinanza francese a chi attacca la
polizia»</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Ha già sollevato molte polemiche la proposta del presidente francese Nicolas Sarkozy. Ha presentato oggi un provvedimento in base al quale potrà essere ritirata la cittadinanza francese a «qualsiasi persona d'origine straniera che volontariamente attenti alla vita di un agente di polizia, di un gendarme o a qualunque altro depositario di autorità pubblica».

Sarkozy chiede anche che non sia più automatica «l'acquisizione della nazionalità francese da parte di un minore delinquente al momento della sua maggiore età .La nazionalità va meritata. Bisogna mostrarsene degni. Quando si tira addosso a un agente delle forze dell'ordine, non si è più degni di essere francesi » ha concluso Sarkozy -.

Come sottolinea Le Monde, il quotidiano francese, la misura proposta dal presidente francese non mette nel mirino solo nomadi e Rom. Con questa nuova iniziativa, Sarkozy, ormai al livello più basso della sua popolarità, «rompe un tabù», scrive il quotidiano, «colpendo due principi giuridici considerati come inviolabili dalla Liberazione: il diritto alla nazionalità e il rifiuto di ogni distinzione tra francesi 'di origine' e quelli che hanno acquisito da poco la nazionalità».

La proposta arriva due settimane dopo le violenze di Grenoble (tre notti di violenza tra forze dell'ordine e giovani nella banlieue di Villeneuve, dal 16 al 18 luglio, dopo la morte di un pregiudicato nel corso di una sparatoria con la polizia) ) e a Saint Aignan (tra gendarmi e Rom), «Sarkozy ribadisce le sue convinzioni, e supera una tappa ulteriore nella politica di repressione», conclude Le Monde.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).