DAL MONDO09:53 - 04 agosto 2010

Stati Uniti, usato Google Earth per scovare piscine abusive

 

 

 

L'occhio del motore di ricerca va in aiuto di una cittadina dello stato di New York

di Angelo Sarasi
<p>Stati Uniti, usato Google Earth per scovare piscine abusive</p>

<p>&nbsp;</p>

<p>&nbsp;</p>

<p>&nbsp;</p>

I proprietari di piscine abusive hanno i bagni e i tuffi contati per colpa di Google Earth. Grazie infatti al servizio di mappa satellitare offerto dal motore di ricerca, una cittadina americana a ridosso di Long island, vicino a New York, chiamata Riverhead, ha deciso di utilizzare proprio questo occhio tecnologico per scovare le piscine non ancora denunciate alle autorità comunali.

Già 250 specchi d'acqua senza permesso sono stati pizzicati con Google Earth e raccolti oltre 75 mila dollari grazie alle multe. Il capo ispettore Leroy Barnes Jr. ha voltuo ringraziare Google: «Senza il motore di ricerca non saremmo mai riusciti a individuare le piscine abusive. Erano tutte nascoste agli occhi normali degli umani da recinti, vegetazione, barriere».

I vertici di Google non hanno voluto commentare la prima volta in cui le mappe on line hanno fatto da spia per la polizia, dopo le accuse di violare la privacy proprio per colpa di Google Earth.

 

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).