DALL'ITALIA09:10 - 04 agosto 2010

Pedaggi austostrade: bloccati i rincari, almeno fino al 31 agosto

Confermate le sentenze dei Tar di Lazio e Piemonte. A fine mese una nuova udienza per decidere in merito

di Sara Tieni
<p>Pedaggi austostrade: bloccati i rincari, almeno fino al 31
agosto</p>
PHOTO LAPRESSE

I pedaggi autostradali, aumentati di recente da un decreto del governo devono essere ri-abbassati immediatamente.  Lo aveva ordinato nei giorni scorsi il Tar del Lazio e quello del Piemonte, ieri ieri il Consiglio di Stato ha respinto la richiesta di sospensiva dell'ordinanza dei Tar stessi, avanzata dalla presidenza del Consiglio dei ministri, azzerando, per ora, i rincari.  

In pratica il governo voleva conservare gli aumenti già decisi e già applicati dall'Anas, a dispetto delle sentenze dei Tribunali amministrativi che avevano ordinato di eliminarli, in attesa che il Consiglio di Stato decida nel merito, ma lo stesso Consiglio ha posto il veto.

Gli Enti locali vanno subito all'attacco: «L'Anas si adegui immediatamente o faremo denunce». Ma il fatto che che la sospensiva sia stata respinta non significa che i rincari non ci saranno più; quella di ieri è stata solo una decisione interlocutoria, perché il Consiglio di Stato si riunirà a fine mese per deliberare nel merito, e in quell'occasione potrebbe anche sentenziare che gli aumenti sono giustificati.

Al di là dei rimborsi, che potranno essere richiesti dagli automobilisti che hanno conservato le ricevute, secondo Federconsumatori e Adusbef «la sentenza del Consiglio di Stato è un provvedimento importante, che darà sollievo alle famiglie in vista delle partenze per le vacanze».

VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).