DALL'ITALIA12:28 - 06 agosto 2010

Napoli, deraglia circumvesuviana: un morto

Almeno una trentina i feriti

di staff Style.it
<p>Napoli, deraglia circumvesuviana: un morto</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Un morto e trenta feriti ricoverati in ospedale, uno dei quali gravi: è questo il bilancio del deragliamento del deragliamento di un treno della Circumvesuviana di Napoli nel quartiere di Gianturco (VEDI FOTOGALLERY).

La vittima, Giuseppe Marotta di 71 anni, sarebbe deceduta per emorragia: nell'impatto aveva perso entrambe le gambe. Mentre un venticinquenne è stato trasportato in gravi condizioni in rianimazione, dopo aver perso coscienza e altri due passeggeri sarebbero gravemente feriti alle gambe.

L'incidente sarebbe avvenuto intorno alle 11 in uscita da una galleria e ancora non è chiaro se la causa del deragliamento possa essere stata l'alta velocità, come sostengono alcuni dei passeggeri soccorsi. Sul treno composto da quattro carrozze viaggiavano circa 50 persone.

Sul posto sono arrivate subito moltissime ambulanze, mentre il traffico lungo via Marina, la strada che collega la zona con il centro della città, è come impazzito.

Secondo alcune testimonianze c'è stato un boato inaudito e poi la tragedia. «Ho visto il treno piegato in due parti, la gente chiedeva aiuto», racconta una stetimone. «Ho visto una scena terribile mentre aiutavo una donna a uscire da un fossato dove era precipitata: poco distante c'era un uomo in una pozza di sangue e non aveva più le gambe; poi ho tirato fuori da sotto il sediolino un uomo e ho visto un ragazzo con la testa insanguinata, era immobile, ho pensato fosse morto, poi ha dato cenni di vita», dice un abitante del quartire subito intervenuto a prestare soccorso.

Intanto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, ha disposto la nomina di una commissione d'inchiesta ministeriale per accertare le cause del deragliamento.

 

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).