DALL'ITALIA08:43 - 09 agosto 2010

Emilietta, «inquilina» dell'aeroporto di Malpensa da 5 anni

La storia di Emilietta, l'inquilina dell'aeroporto di Malpensa

di Angelo Sarasi
<p>Emilietta, «inquilina» dell'aeroporto di Malpensa da 5 anni</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Al Terminal 1 dell'aereoporto di Malpensa, tutti la conoscono per Emilietta. Come nel film con Tom Hanks, questa donna non più giovanissima vive da cinque anni, esattamente dal marzo 2005, proprio nello scalo varesino.

Si lava nei bagni quando alla sera Malpensa si svuota, e qui compra il cibo e le schede telefoniche da 5 euro che le consentono di parlare 21' con i suoi famigliari che vivono a Mauritius dove lei vuole tornare. Il problema di Emilietta, però, è il visto. Le autorità di Mauritius, dove lei ha vissuto per 20 anni, l'hanno respinta alla dogana l'ultima volta in cui ha provato ad andarci un anno fa. «Sono rientrata due volte in ritardo dal Madagascar e loro non mi hanno fatto entrare sostenendo che il mio visto non fosse più valido», racconta mentre riordina le sue cose, che conserva con grande cura in alcune borse di plastica e dentro due valige. «Uno dei miei due figli è malato. Ho ricevuto offerte di denaro e di appartamenti ma io preferisco stare qui, dove vedo sullo schermo delle partenze il nome del mio Paese, dove c'è il mio cuore. E spero che le autorità consolari e doganali mi diano una mano. Sino ad allora resterò qui». Decisa e sicura di sé (e convinta di riuscire prima o poi a tornare a casa), Emilietta - che sarà presto protagonista di un documentario sulla sua storia - dorme sulle panchine in marmo dello scalo, ma talvolta trova rifugio in un angolo segreto dell'aeroporto. «Ma non è dormire, è riposare un po', dietro una colonna, niente di più. Qui sono tutti buoni con me, non disturbo nessuno, tutti vengono a salutarmi. Ho la mia pensione minima, mi pago il cibo e tutte le cose che mi servono».


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).