DALL'ITALIA08:40 - 10 agosto 2010

Tentativo di rapina delle reliquie di Padre Pio

Il vetro blindato della teca ha evitato che i resti del Santo di San Giovanni Rontondo, venissero trafugati. Nella notte tra il 7 e l'8 agosto alcuni malviventi hanno cercato di rubare l'involucro oggetto di culto di tanti fedeli

di staff Style.it
<p>Tentativo di rapina delle reliquie di Padre Pio</p>

Il vetro sfondato della cappella della tomba di San Pio da Pietrelcina ha messo subito in allarme una guardia del piccolo cimitero situato alla periferia di San Giovanni Rotondo, nella provincia di Foggia.

All'interno, la teca di Padre Pio appariva scalfita, ma integra. Fortunatamente, non era stato prelevato nulla: le reliquie, ciocche di capelli, un paio di guanti e una garza che il Frate utilizzava per medicarsi il costato sanguinante, erano al loro posto. Il vetro blindato aveva retto all'assalto di alcuni ladri allettati più dalla preziosa teca in ottone dorato che dalle reliquie.

Stando alle prime dichiarazioni dei carabinieri di San Giovanni Rotondo e del comando provinciale di Foggia accorsi sul posto, due o tre uomini si sarebbero introdotti nella piccola cappella dei Cappuccini, armati di punteruolo e martello e, complice la mancanza di un sistema di sorveglianza, avrebbero attaccato la preziosa teca.

Si esclude che possano essere stati dei locali: l'adorazione per il Santo, da quelle parti, è molto sentita. Intanto, le reliquie sono state prese in consegna dal guardiano del monastero frate Carlo Laborde.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).