DALL'ITALIA12:55 - 14 agosto 2010

Traffico intenso ma regolare. Nord Italia sotto l'acqua

Sulla rete autostradale qualche incolonnamento, ma sostanzialmente l'esodo di Ferragosto scorre. I vacanzieri italiani sono ora 35 milioni

di staff Style.it
<p>Traffico intenso ma regolare. Nord Italia sotto l'acqua</p>
PHOTO LAPRESSE

Traffico intenso e qualche coda nei punti più caldi della rete autostradale, ma l'esodo di Ferragosto nel complesso non presenta al momento situazioni particolarmente difficili.

Problemi d'incolonnamenti sulla A14 Bologna-Taranto dove occorre un'ora e mezza per percorrere il tratto tra Forlì e Rimini nord in direzione Ancona, 20 minuti tra Bitonto e Bari sud, in direzione di Taranto. Poi sulla A9 Lainate-Como-Chiasso 3 km di coda per le operazioni doganali verso la Svizzera.

Le vacanze del week di mezza esatte portano in ferie 35 milioni di italiani.  Ma, secondo Telefono Blu, per 10 milioni si tratta di una sosta mordi e fuggi. L'associazione registra un calo di 3 milioni di presenze rispetto allo scorso anno, con una contrazione della spesa pari ad un meno 5% sul 2009. Per gli alberghi si tratta di una flessione del 2%, mentre sono piene le abitazioni in affitto e soprattutto le seconde case. In 4 milioni hanno scelto l'estero: di questi oltre la metà in Europa e Mediterraneo.

In più il maltempo spazza il Nord. L'Italia è sostanzialmente divisa a metà. L'alta pressione assicura sole e temperature estive solo al Sud. Invece, dalle Alpi fino alla Capitale, temporali sparsi e cielo prevalentemente nuvoloso, anche la Sardegna. A Milano, dove l'umidità tocca picchi del 94%, la temperatura è di 18°. A Roma intorno ai 26° e a Palermo 36°.

Le previsioni per Ferragosto parlano di un meteo leggermente in miglioramento soprattutto da Bologna in giù.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).