DAL MONDO12:02 - 16 agosto 2010

Afghanistan, i Talebani: indagine con l'Onu sulle vittime civili

I Talebani offrono all'Onu la propria collaborazione. O meglio chiedono alle Nazioni Unite di indagare sulle vittime civili in Afghanistan. La notizia arriva dopo la pubblicazione, ieri, del rapporto Onu, che denuncia un aumento del 25% delle vittime civili rispetto allo stesso periodo del 2009, con un numero complessivo di 1.200 caduti nel primo semestre del 2010

di Angelo Sarasi
<p>Afghanistan, i Talebani: indagine con l'Onu sulle vittime
civili</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

I Talebani offrono all'Onu la propria collaborazione. O meglio chiedono alle Nazioni Unite di indagare sulle vittime civili in Afghanistan. La notizia arriva dopo la pubblicazione, ieri, del rapporto Onu, che denuncia un aumento del 25% delle vittime civili rispetto allo stesso periodo del 2009, con un numero complessivo di 1.200 caduti nel primo semestre del 2010. Intanto anche i militari stranieri (in gran parte americani) uccisi nel Paese durante tutta la guerra superano quota 2.000.

Il comando delle milizie talebane ha proposto all'Onu la formazione di una «commissione, composta dai rappresentanti speciali della Conferenza islamica e delle agenzie delle Nazioni Unite per i diritti dell'uomo, e dai rappresentanti delle forze della Nato e dell'emirato islamico d'Afghanistan».

I Talebani rispondono così agli osservatori internazionali che li avevano definiti i principali responsabili delle numerose stragi di civili innocenti consumate nel corso dell'anno.

Sono invece più di duemila, esattamente 2002 i soldati del contingente internazionale caduti in Afghanistan. La rivelazione arriva dal sito indipendente icasualties.org che aggiorna il bilancio dei militari caduti a partire dall'inizio dell'intervento statunitense cominciato nel 2001.

Nel corso di questi primi sette mesi del 2010, la coalizione di cui fa parte anche l'Italia ha perso 434 soldati contro i 521 caduti in tutto il 2009, l'anno peggiore. Washington ha perso complessivamente 1.226 militari. Gli italiano morti sono stati 27.

Resta comunque più pesante il bilancio delle perdite contate finora in Iraq: 4.732 decessi di cui 4.414 americani. Dopo il 2007, comunque, si registra un netto calo di caduti nel Paese: 105 soldati stranieri morti nel 2009, 44 nel 2010.

VAI ALLA PAGINA DI NEWS

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).