DALL'ITALIA13:23 - 17 agosto 2010

Francesca Zenobi: «Io massacrata. Mentre la D'Addario e Noemi sono famose»

Intervista di Vanity Fair alla ragazza che aveva passato una notte di sesso e coca con l'onorevole Cosimo Mele

di Tamara Ferrari
<p>Francesca Zenobi: «Io massacrata. Mentre la D'Addario e Noemi
sono famose»</p>
PHOTO COURTESY OF VANITY FAIR

«Che alcuni politici vadano a prostitute o a trans non mi stupisce. Quello che mi fa rabbia è che poi, quando vengono scoperti, non si assumono le proprie responsabilità».

Francesca Zenobi, 32 anni, non smette un attimo di parlare mentre sfreccia per le vie di Roma a bordo della sua Bmw Z4 coupé grigia. Capelli lunghi neri, fisico esile («peso 48 chili e sono alta un metro e 68 centimetri») e grandi occhi verdi, tre anni fa era diventata famosa come la «escort del caso Mele» dopo che, la mattina del 28 luglio 2007, finì in ospedale a conclusione di una notte in un albergo della capitale a base di sesso e cocaina con l'ex deputato dell'Udc Cosimo Mele, cinquantenne, pugliese, all'epoca sposato e con la moglie incinta.

Francesca Zenobi, all'inizio ha tentato la vita da showgirl: interviste, un calendario sexy, offerte per comparsate in film e Tv. Ma all'improvviso il sipario si è chiuso. Fino a oggi. E a pochi giorni dalla conclusione della vicenda giudiziaria, dice: «Sono certa che al processo verrà fuori la verità. Per questa storia io sono stata massacrata, altre come Patrizia D'Addario e Noemi Letizia, per citarne alcune, sono diventate famose. Ora voglio giustizia e la mia onorabilità».

Perché a lei è andata diversamente?

«Non mi sono fatta strumentalizzare, non mi piaceva che i giornali mi dipingessero come una "volgarona" che voleva solo sfruttare la situazione».

 

L'intervista completa è su Vanity Fair n. 33, in edicola da mercoledì 18 agosto

Fonte[ Vanity Fair ]

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).