DAL MONDO12:42 - 19 agosto 2010

Bambino sepolto dalla sabbia in spiaggia: è in coma

L'incidente è accaduto alle Canarie. Il bambino, 10 anni, è rimasto seppellito per venti minuti in una buca scavata nella sabbia. Ora il suo stato è definito «molto critico»

di staff Style.it
<p>Bambino sepolto dalla sabbia in spiaggia: è in coma</p>

Aveva scavato una  buca molto profonda sulla spiaggia. Poi si è ritrovato seppellito dalla sabbia e per liberarlo dal gioco diventato «trappola» ci sono voluti venti minuti. E ora il bambino, italiano e di dieci anni, in vacanza alle Canarie con la famiglia, è in coma in condizioni critiche.

Erano le cinque del pomeriggio di mercoledì, quando il bambino stava uscendo dalla grande buca tre metri di profondità per cinque di diametro, che aveva fatto con i compagni di giochi su una spiaggia di Fuertaventura. All'improvviso le pareti hanno ceduto - riferisce il sito del comune spagnolo - e gli sono crollate addosso.

I genitori hanno subito chiamato i soccorsi. Ma considerando il tempo necessario ai pompieri per scavare e puntellare le pareti per evitare un nuovo crollo, ci sono voluti 20 minuti per tirarlo fuori. Secondo il quotidiano Abc, è stato uno scherzo pesante dei suoi amici: lo hanno fatto entrare in questa buca. Il bimbo era in stato di arresto cardiorespiratorio. I medici sono riusciti a rianimarlo.

Non appena le sue condizioni si sono stabilizzate, è stato trasportato in elicottero prima all'ospedale di Fuerteventura, poi all'Hospital Materno Infantil di Las Palmas (nella foto). Secondo il sito del Comune di La Oliva, il bimbo, di cui non è stata resa nota l'identità, è in «stato molto critico». È sempre in coma, con ventilazione assistita, «a causa dei danni provocati dalla mancanza di ossigeno nei 20 minuti in cui è rimasto sepolto».

- VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).