DALL'ITALIA15:30 - 20 agosto 2010

Muore suicida il killer delle prostitute

Nonostante fosse sorvesgliato a vista, Ramo Berloso, ribattezzato il «killer delle prostitute», reo confesso di due omicidi, ii 4 agosto scorso ha tentato di togliersi la vita, impiccandosi con un lenzuolo alle inferriate della finestra della sua cella. Oggi il 35 enne di Gorizia è deceduto all'ospedale di Udine dopo 16 giorni di ricovero

di Sara Tieni
<p>Muore suicida il killer delle prostitute</p>

Nonostante fosse sorvesgliato a vista, Ramo Berloso, ribattezzato il «killer delle prostitute», reo confesso di due omicidi, ii 4 agosto scorso ha tentato di togliersi la vita, impiccandosi con un lenzuolo alle inferriate della finestra della sua cella. Oggi il 35 enne di Gorizia è deceduto all'ospedale di Udine dopo 16 giorni di ricovero.

L'uomo ha approfittato di un cambio della guardia per compiere il gesto: le sue condizioni sono parse subito disperate tanto che, nei giorni scorsi i medici ne avevano decretato la morte cerebrale.

Il giovane che aveva ammesso gli omicidi di Ilenia Vecchiato, 28 anni, e della romena Diana Alexiu, di 24, era stato arrestato a Padova la mattina del 20 luglio dopo una imponente caccia all'uomo cominciata la sera prima ad Aiello del Friuli (Udine), dove Berloso viveva con l'anziana madre.

Subito dopo l'arresto, il giovane aveva confessato l'omicidio delle due donne, prima stordite con una spranga di ferro e poi finite con una freccia di balestra al capo. Pochi giorni dopo, il 35enne aveva accompagnato i carabinieri sul luogo dove aveva sepolto le due ragazze, una zona impervia sotto il ponte sul Torre tra Aiello del Friuli e Campolongo al Torre, entrambe località nella bassa friulana.

VAI ALLA PAGINA DI NEWS

 

 

 

 

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Nina 76 mesi fa

Personalmente mi fà un poco incazz che prima le ammazzano e poi per non pagare le coseguenze si suicidano.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).