DALL'ITALIA18:37 - 22 agosto 2010

Rientro difficile, tra code e incidenti

Ultima e difficile giornata del weekend di controesodo. Dopo le code e i rallentamenti di venerdì e sabato, lungo tutte le direttrici del rientro è stata una domenica di traffico intenso e purtroppo anche di incidenti. Il più grave, in Calabria, ha provocato la morte di un bambino di 6 anni

di staff Style.it
<p>Rientro difficile, tra code e incidenti</p>
PHOTO LAPRESSE

Ultima e difficile giornata del weekend di controesodo. Dopo le code e i rallentamenti di venerdì e sabato, lungo tutte le direttrici del rientro è stata una domenica di traffico intenso e purtroppo anche di incidenti.

In Val D'Aosta traffico intenso sulla statale 26 in entrambe le direzioni. Forti disagi anche sull'Autobrennero per l'arrivo e il rientro dei vacanzieri del nord Europa, con rallentamenti per un centinaio di chilometri da Bolzano ad Ala nel Trentino meridionale.

In Campania, si sono registrati rallentamenti sul raccordo autostradale Salerno-Avellino a causa di un incidente. Traffico rallentato sulla statale 18 Tirrena Inferiore in direzione Sud e, a causa di un incendio, sulla statale 87 Sanniticain direzione Nord. In Basilicata problemi sulla statale 407 Basentana in direzione Sud e sulla 598 Fondo Valle D'Agrì per un veicolo incendiato. Code anche agli svincoli e agli imbarcaderi di Messina

In Calabria c'è stato l'episodio più tragico, con la morte di un bambinno di 6 anni di San Giuliano di Teano (Caserta). Federico Corvino è morto sul colpo nell'incidente avvenuto stamane a Cassano allo Jonio lungo la statale 534. Dei genitori il più grave è il padre, Giancarlo Corvino, sottoposto a intervento chirurgico nell'ospedale Annunciata di Cosenza. Grave, ma non in pericolo di vita, anche la madre, Marilù Petito. La famiglia stava andando in vacanza in un villaggio turistico.

- VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).