DAL MONDO12:47 - 22 agosto 2010

Rubato in Egitto un Van Gogh da 50 milioni di euro

Il mistero dei Papaveri di Van Gogh continua. Ventiquattro ore dopo il furto dell'opera del maestro olandese, che ha un valore stimato in 50 milioni di euro, avvenuto all'interno del museo Khall del Cairo in Egitto (dove è stato appurato che le telecamere del circuito interno non erano funzionanti per mancanza dei pezzi di ricambio), la tela non è stata ancora ritrovata

di Angelo Sarasi

Il mistero dei Papaveri di Van Gogh continua. Ventiquattro ore dopo il furto dell'opera del maestro olandese, che ha un valore stimato in 50 milioni di euro, avvenuto all'interno del museo Khall del Cairo in Egitto (dove è stato appurato che le telecamere del circuito interno non erano funzionanti per mancanza dei pezzi di ricambio), la tela non è stata ancora ritrovata.

All'inizio erano stati fermati due italiani che sono stati però poi rilasciati. La coppia di italiani faceva parte di un gruppo di turisti presenti nel museo nel momento in cui il quadro, già rubato nel 1977 e ritrovato soltanto dieci anni dopo, è scomparso.

- VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

Altre notizie sul sito in allestimento www.vangoghiamo.altervista.org, su vangauguin e su Geometrie fluide.

Gli organi di stampa italiani sono troppo approssimativi.Così può succedere che le agenzie divulgano il furto di un quadro di papaveri di Van Gogh da un museo del Cairo,corredando la notizia con la foto di un altro quadro,che si trova in un museo del Connecticut.Facendo oltretutto un doppio danno,perché il quadro riprodotto non è di Van Gogh,ma una errata o falsa attribuzione.Se le notizie devono essere date,che lo siano in modo esatto,altrimenti è sbagliato inondare il mondo dell’informazione di cose che confondono le idee alla gente.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).