DALL'ITALIA10:28 - 27 agosto 2010

Tragica gita in pattino: trovato anche il secondo cadavere

La coppia aveva preso a noleggio un pedalò da uno stabilimento di Jesolo. Ritrovati in mare prima il corpo della donna, nigeriana di 23 anni, e poi, dopo un giorno, quello dell'uomo, 29 anni.

di Greta Privitera
<p>Tragica gita in pattino: trovato anche il secondo cadavere</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Sono finite le ricerche a Jesolo. È stato ritrovato dalla Capitaneria di Porto il corpo di Luca Cisamolo, il giovane di Vicenza disperso durante una gita in pedalò in compagnia della fidanzata nigeriana nel mare di Jesolo. Il corpo della fidanzata era già stato recuperato.

Luca Cisamolo, 29 anni, marmista di Chiampo Vicentino, e Marcj Edokpolior, 23 anni d'origine nigeriana, domiciliata a Monteforte D'Alpone, in provincia di Verona, alle 18.30 di mercoledì hanno preso a noleggio un pattino da uno stabilimento di Jesolo. Non sono più rientrati. Il titolare ha mantenuto con loro un contatto visivo fino alle 19, poi ha notato che a bordo non si vedeva più nessuno. Non si è preoccupato, pensando che i due si fossero tuffati per un bagno in mare. Poco più tardi, verso le 19.15, un bagnante ha però avvertito la questura di aver trovato il pattino spiaggiato con sopra alcuni effetti personali dei due.

A quel punto sono partite le ricerche di polizia, guardia costiera e vigili del fuoco. Verso mezzanotte un uomo ha trovato il corpo senza vita della ragazza, vicino a un pontile, a circa 10 chilometri dal luogo della scomparsa. Sul corpo non c'erano ferite o segni di violenze e il referto del medico parla di una morte per presunto annegamento.

Le ricerche di Luca Cisamolo sono andate avanti. Il suo corpo è stato avvistato poco dopo le 17 di ieri in prossimità della spiaggia dove i due avevano affittato il pedalò. A quanto risulta non sapeva nuotare.

VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).