DAL MONDO08:48 - 13 settembre 2010

Ibiza, un ragazzo italiano si getta dal balcone

È ancora difficile stabilire se si tratta di un caso di balconing, la folle moda di gettarsi dal cornicione ei palazzi per centrare la piscina sottostante. Il 26enne aveva infatti litigato con la fidanzata.

di staff Style.it
<p>Ibiza, un ragazzo italiano si getta dal balcone</p>
PHOTO YOUTUBE

Un gioco folle. Gettarsi dal balcone di una camera d'albergo tentando di centrare la piscina sottostante, è un suicidio che si chiama balconing. È successo così che a Ibiza, un giovane italiano di 26 anni è morto in un albergo di Playa d'en Bossa. Era sotto l'effetto di droghe? Aveva bevuto troppo? O forse voleva davvero provare il brivido di un gesto che di coraggioso non ha nulla? È ancora difficile stabilirlo. Il sito del quotidiano spagnolo El Mundo racconta la notizia e dice che il ragazzo si è buttato dal settimo piano alle 7,30 del mattino.

Sembrerebbe un altro caso di balconing. Infatti, solo una settimana fa un giovane inglese di 26 anni è morto a Mairca. La dinamica è la stessa: si è gettato dal quinto piano di un appartamento a Puerto Adriano, come se si trattasse di n tuffo dal trampolino.


Ma è ancora presto per associare i due casi ad una moda, una nuova agghiacciante tendenza giovanile. Infatti secondo il quotidiano Diario de Mallorca, la piscina era troppo distante dal luogo della tragedia per far pensare ad un tentativo di giocare a fare il tuffatore. Forse il ragazzo italiano si è tolto la vita a causa di una storia d'amore finita male e di una forte discussione con la sua compagna poco prima di precipitare dal balcone.

La vicenda, hanno indicato fonti diplomatiche italiane, è seguita dal consolato d'Italia a Barcellona, che è in contatto con la famiglia.

VAI ALLA PAGINA DI NEWS

COSA PENSATE DI UN FATTO SIMILE? LASCIATE IL VOSTRO COMMENTO

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).