DAL MONDO08:00 - 15 settembre 2010

Francia, bandito il velo integrale

Il senato francese ha approvato il divieto di coprire il viso nei luoghi pubblici. La legge sarà operativa nel 2011. Questo è il primo caso in Europa. In Italia, il ministro delle Pari opportunità Mara Carfagna auspica un provvedimento simile

di staff Style.it
<p>Francia, bandito il velo integrale</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Via libero definitivo del Parlamento francese al progetto di legge che mette al bando l'uso del velo integrale su tutto il territorio della Francia, comprese strade, piazze, e luoghi pubblici. Solo nel 2011 chi dissimula il viso nei «luoghi pubblici o aperti al pubblico» rischierà una multa o un corso forzato di educazione civica. Gli uomini che costringono le donne a indossare il velo, potranno essere puniti con un anno di prigione e una multa di 30 mila euro. Il provvedimento, per entrare in vigore, dovrà ricevere il nulla osta del Consiglio costituzionale, per capire se vìola o meno il principio della libertà individuale.  I legislatori francesi confidano che l'Islam ufficiale faccia pressioni perché le donne abbandonino il velo. Oppure, «con più ipocrisia», come scrive La stampa, «scommettono sul fatto che le irriducibili rimangano a casa».

 

In Italia, il ministro delle Pari opportunità Mara Carfagna dice che nel nostro Paese «non esiste un'emergenza burqa, i casi di donne costrette a indossare il velo restano isolati». Ma auspica che il Parlamento approvi un provvedimento simile a quello francese.

 

E TU CHE COSA NE PENSI?

TORNA ALLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
sabrina 75 mesi fa

sono molto d'accordo con questa legge e se venisse applicata anche in Italia non sarebbe male , quando siamo noi europei a spostarci nel loro paese dobbiamo stare alle loro regole quindi è giusto che loro rispettino le nostre .

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).