DAL MONDO08:28 - 16 settembre 2010

Scippi, Roma al secondo posto al mondo

E' la Spagna la nazione dove i turisti subiscono di più il «pickpoket» secondo la classifica di TripAdvisor, Barcellona si colloca al primo posto della classifica. Tra le buone notizie, invece, c'è la scomparsa di Firenze dalla top ten. Al quarto posto si conferma la capitale spagnola Madrid seguita da Atene, Praga

di Greta Privitera
<p>Scippi, Roma al secondo posto al mondo</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Roma arriva seconda nella lista delle città in cui avvengono più scippi, prima Barcellona. Tutta la Spagna del resto, secondo la  classifica stilata da TripAdvisor (uno dei siti online di viaggi più famosi al mondo), sembra l'incubo dei turisti internazionali. Ben 4 località spagnole sono nella top ten che mette in fila le città del mondo dove è più facile subire un borseggio.

Uno dei primi dati che si coglie dando un rapido sguardo alla classifica è che le città europee dominano la classifica: tra le prime dieci dominano ci sono solo metropoli del Vecchio Continente.

Barcellona conquista la vetta per il secondo anno consecutivo. I luoghi della città catalana considerati più a rischio sono le Ramblas e il mercato delle pulci de La Boqueria. Al secondo posto, come nel 2009, si piazza Roma. Sul gradino più basso del podio si posiziona Parigi. Tra i luoghi più pericolosi della Ville Lumière, quinta in classifica lo scorso anno, sono segnalate le stazioni e le metropolitane.

Al quarto si conferma la capitale spagnola Madrid seguita da Atene, Praga, dalla provincia turistica spagnola di Alicante in Costa Brava, da Lisbona e Tenerife. La vera sorpresa del 2010 è la comparsa in classifica anche di Londra che si piazza al decimo posto. Tra le buone notizie per l'Italia c'è, invece, la scomparsa di Firenze dalla top ten.

VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).