DAL MONDO08:57 - 16 settembre 2010

Skyrider, viaggiare semi in piedi: la nuova frontiera del low cost

A presentarlo è stata l'italiana Aviointeriors, specializzata nell'arredo di aeromobili, durante la fiera "Aircraft Interiors Expo America 2010", in corso a Long Beach fino al 16 settembre.

di staff Style.it
<p>Skyrider, viaggiare semi in piedi: la nuova frontiera del low
cost</p>

Viaggiare semi in piedi comodi come «su una sella di un cavallo». È quello che promette il nuovo SkyRider, al via nel 2011. Ci aveva già provato O'Leary di Ryanair a far viaggiare i suoi passeggeri in piedi, ma nonostante i tentativi, la European Aviation Safety Agency ha rifiutato l'idea, per cui perché non viaggiare semi in piedi?

Èquesta la proposta lanciata da un'azienda italiana, l'Aviointeriors, che promette di rivoluzionare il viaggio in aereo consentendo ai passeggeri di risparmiare sul prezzo del biglietto. Il nuovo sedile debutterà forse tra le compagnie low cost, a partire da quelle americane. I sedili modello «Skyrider» consentiranno di aumentare il numero di posti in classe economica senza sacrificare il comfort dei passeggeri.

Di fatto però il risultato sarà la creazione di un tipo completamente nuovo di classe passeggeri. Si stima che lo Skyrider permetterà di ridurre solamente a 58 centimetri lo spazio per le gambe, con un interspazio di ben 18 centimetri in meno tra una fila e l'altra rispetto agli attuali 76 cm adottati dai classici sedili.

VAI ALLE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
angelica27ma 73 mesi fa

OOPS.......tristezza

angelica27ma 73 mesi fa

Che tristeza! Non manca più nulla...basta un pò di pianificazione($) e queste sacrifici non devono fare nessuno...viaggiare deve essere un atto di piacere e relax...

stunnig 73 mesi fa

Solo per gambe allenate!!!!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).