DALL'ITALIA17:47 - 27 settembre 2010

Capo mette in premio la segretaria: lei lo denuncia

Titolare di piccola azienda propone per scherzo la ragazza come compenso per gli straordinari dei dipendenti. Lei lo scopre e lo denuncia tutto ai carabinieri

di Sara Tieni
<p>Capo mette in premio la segretaria: lei lo denuncia</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Il premio aziendale di una piccola azienda vicentina? La segretaria. La proposta indecente, fatta per scherzo dal titolare ai suoi dipendenti,e messa per iscritto con una mail, è stata scoperta dalla donna oggetto del premio, che si è rivolta ai carabinieri.

La giovane, ignara, sarebbe stata oggetto di avances di uno dei dipendenti che avrebbe purtroppo preso sul serio il pesantissimo scherzo del suo titolare. «Sei tu il mio premio per il lavoro che ho fatto...non lo sai?», avrebbe detto l'uomo alla ragazza, che avrebbe iniziato a indagare sul motivo di quanto detto.

Tutto sarebbe iniziato lo scorso luglio. La ditta in questo periodo avrebbe avuto un incremento degli ordini e così il proprietario aveva chiesto ai dipendenti uno sforzo nella produzione. Questo però comportava qualche straordinario in più.

Da qui la richiestadi un lavoratore: «Ma avremo anche un premio produzione?». E la risposta del titolare. Dopo qualche giorno sarebbe quindi circolata una mail del datore di lavoro che recitava più o meno così: «Se finiamo tutti gli ordini in tempo andiamo tutti a letto con la segretaria».

La mail, cancellata subito da molti per la paura di essere scoperti, è stata presa purtroppo sul serio da altri. Ora il titolare della piccola azienda artigiana dell'hinterland vicentino specializzata nel settore idraulico, si trova nei guai: la ragazza, dopo avergli chiesto spiegazioni, non si sarebbe accontentata delle scuse ma avrebbe riferito del fatto ai carabinieri di Vicenza.

VAI ALLA PAGINA DI NEWS

CHE COSA NE PENSI? DI' LA TUA


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).