DAL MONDO08:50 - 28 settembre 2010

Obama, presto una legge per spiare il web

Per combattere crimine e terrorismo, l’amministrazione degli Stati Uniti vuole che Internet diventi intercettabile come i telefonini. I provider, da Facebook ai software peer-to-peer, fino alle mail criptate via Blackberry, dovranno a consegnare al governo le intercettazioni necessarie. Insorge il popolo della Rete: la privacy è a rischio

di staff Style.it
<p>Obama, presto una legge per spiare il web</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Il presidente americano Barack Obama prepara una legge che prevede la possibilità di spiare il web. Secondo l'amministrazione degli Stati Uniti, Internet  deve diventare intercettabile come i telefonini. Motivo: sempre più spesso criminali e terroristi usano la Rete per comunicare e quindi si tratta di una questione di sicurezza. La proposta di legge vuole obbligare i provider, da Facebook ai software peer-to-peer, fino alle mail criptate via Blackberry, a consegnare al governo le intercettazioni necessarie.  Il testo voluto dalle autorità arriverà al Congresso a fine 2010 e il New York Times ne anticipa i contenuti. In pratica, i servizi  che consentono gli scambi di messaggi criptati dovranno avere un sistema per decriptarli. È la stessa regola che vale per i cellulari: una legge obbliga le reti di telefonia a essere intercettabili.

E così nasce la rivolta del popolo web: la privacy così è a rischio. Inoltre, se si chiede a un provider come Facebook di registrare tutte le conversazioni, si porrà il problema della libertà della Rete perché a registrare sarebbero i gestori dei siti e non le autorità. E in questo caso le intercettazioni potrebbero finire  in mani sbagliate.

 

TUTELA DELLA SICUREZZA O INVASIONE DELLA PRIVACY? tU CHE COSA NE PENSI?


TORNA ALLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).