DALL'ITALIA16:03 - 03 ottobre 2010

Alluvione di Atrani, il padre conferma: il corpo è di Francesca

È di Francesca il corpo ritrovato sabato al largo di Panarea, in Sicilia. A riconoscerlo il della ragazza di 25 anni morta a seguito dell'alluvione del 9 settembre scorso che si è abbattuta su Atrani, in costiera amalfitana. «L'ho riconosciuta prevalentemente dai vestiti, gli stessi che indossava quel giorno», ha detto Raffaele Mans

di staff Style.it
<p>Alluvione di Atrani, il padre conferma: il corpo è di
Francesca</p>
PHOTO YOUTUBE

È di Francesca il corpo ritrovato sabato al largo di Panarea, in Sicilia. A riconoscerlo è il padre di Francesca Mansi, la ragazza di 25 anni morta a seguito dell'alluvione del 9 settembre scorso che si è abbattuta su Atrani, in costiera amalfitana. «L'ho riconosciuta prevalentemente dai vestiti, gli stessi che indossava quel giorno», ha detto Raffaele Mansi.

 

Il corpo era stato trovato sabato a nove miglia da Lipari, fra le due isole, un sub ha individuato in mattinata il cadavere di una donna in avanzato stato di decomposizione. Quando è stato recuperato su un gommone della Guardia costiera, ci si è accorti che il volto era irriconoscibile. Indossava però una maglietta bianca con un personaggio di Walt Disney, un paio di jeans neri e un paio di scarpe Converse All Star. Gli stessi abiti che Francesca, aveva addosso il giorno del disastro. Francesca, nota ormai a tutto il Paese, la «ragazza della Costiera» cercata a lungo e invano nel suo mare, lavorava nel bar della piazzetta di Atrani.

 

L'ultimo a vederla era stato il suo «capo», Lello Rispoli, il titolare della «Risacca». L'uomo che di fronte al fango che aveva sfondato la porta chiusa e invaso il suo locale, si era appeso al lampadario per non essere trascinato via. Fu un attimo, raccontò il figlio Antonio dopo la tragedia riferendo la sua testimonianza, «e non la vide più». «Signore ti ringrazio - è stata oggi la reazione di Raffaele, il padre, che nei giorni scorsi aveva rivolto diversi appelli alla politica perchè si facessero più sforzi nelle ricerche -. Almeno avrò un luogo dove piangere mia figlia Francesca». «Ho ricevuto una telefonata dei carabinieri di Amalfi - ha raccontato - da loro ho appreso che forse il corpo ripescato laggiù nelle acque siciliane era quello di mia figlia». «Potete capire bene cosa ho provato in quegli attimi, il tumulto di sentimenti. Nella mente ha iniziato a girare il film di una vita trascorsa con Francesca».

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).