DAL MONDO09:27 - 05 ottobre 2010

La maionese può salvare le tartarughe dal petrolio

Gli ambientalisti della National Wildlife Federation hanno scoperto un singolare metodo per pulire i mammiferi marini dalla contaminazione della marea nera nel Golfo del Messico

di Angelo Sarasi
<p>La maionese può salvare le tartarughe dal petrolio</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Lo spiega al sito della National Wildlife Federation, una associazione ambientalista, Ryan Butts, amministratore del The Turtle Hospital, in Florida, che sta curando decine di esemplari trovati nel Golfo del Messico. «Per pulire le tartarughe la maionese funziona molto bene - afferma Butts - è abbastanza sicura da poter essere messa negli occhi e nelle narici, e strofinata sul guscio. Si lega con il catrame e può essere rimossa con un tovagliolo».

Secondo l'esperto il pericolo per le tartarughe marine non è affatto cessato con la chiusura del pozzo: «Il petrolio sotto forma di catrame ha invaso i sargassi, che sono l'habitat preferito dei piccoli - spiega - questi sono come delle spugne, e sono ormai saturi».

Solo nel primo mese dopo il disastro sono state 450 le tartarughe ricoperte di petrolio trovate nelle aree colpite dal disastro, ma molte potrebbero essere state salvate dal programma della Nasa che ha fisicamente spostato 28mila uova dalla Louisiana alla Florida: secondo i risultati provvisori sono almeno 15mila i piccoli che sono riusciti a nascere e a prendere il mare nelle vicinanze di Cape Canaveral.

>>SPECIALE MAREA NERA


VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).