DAL MONDO10:35 - 06 ottobre 2010

I figli di Sakineh chiedono asilo in Italia

Il 22enne Sajjad e la 18enne Saideh temono di essere arrestati dal regime iraniano, a causa della lotta in favore della madre, la vedova iraniana accusata di adulterio e complicità nell'omicidio del marito che rischia la pena di morte. La Farnesina: «Ancora nessuna richiesta formale»

di staff Style.it
<p>I figli di Sakineh chiedono asilo in Italia</p>
PHOTO LAPRESSE

Al momento, specificano al ministero degli Esteri, non è arrivata nessuna richiesta formale. Informalmente, però, i figli di Sakineh Mohammadi Ashtiani hanno chiesto asilo politico all'Italia.

Il 22enne Sajjad e la 18enne Saideh temono di essere arrestati dal regime iraniano, a causa della lotta in favore della madre, la vedova iraniana accusata di adulterio e complicità nell'omicidio del marito che rischia la pena di morte.

In un appello indirizzato al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, chiedono l'asilo politico «considerata anche la grande attenzione del governo e del popolo italiano nei confronti della nostra causa».

In effetti la lapidazione di Sakineh, prevista a luglio, è stata rinviata dal governo solo per le proteste e le mobilitazioni internazionali guidate dalla Francia e dall'Italia. Ora, a rischiare sono i figli.

I servizi segreti iraniani starebbero lavorando per creare dei capi d'imputazione falsi nei loro confronti. Il figlio maggiore, Sajjad, è stato convocato dalla magistratura per sabato. E già allora potrebbe essere arrestato.

 

TORNA ALLE NEWS

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
rosalba 71 mesi fa

Vorrei tanto che questi due ragazzi iraniani fossero accolti in Italia, per poter dare loro un po' di pace. Non hanno fatto nulla di male, stanno solo cercando di salvare la madre, perchè dovrebbero essere incarcerati? La dittatura è una forma di governo che dovrebbe essere cancellata dalla faccia della terra.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).