DALL'ITALIA11:01 - 07 ottobre 2010

Il sindaco di Avetrana: «Lutto cittadino»

Mario De Marco, primo cittadino del paese di Sarah, a Vanity News: «Tutti credevamo all'innocenza di Misseri». Sul processo: «Molto probabilmente ci costituiremo parte civile. L'immagine del nostro paese è stata distrutta». Sui funerali: «Proclameremo un giorno di lutto cittadino»

di Francesco Oggiano
<p>Il sindaco di Avetrana: «Lutto cittadino»</p>
PHOTO YOUTUBE

«Siamo tutti smarriti, arrabbiati. Molto probabilmente il Comune si costituirà parte civile». Mario De Marco, avvocato, è il sindaco di Avetrana, il paese in provincia di Taranto diventato da un mese a questa parte il crocevia delle troupe giornalistiche di mezza Italia.

Sindaco De Marco, non mi dica anche lei che avreste messo la mano sul fuoco sull'innocenza di Michele Misseri.
«E invece sì. La stessa madre di Sarah ha creduto la sua innocenza fino a ieri sera. Era un onesto lavoratore, una persona limpida, un uomo di famiglia».

Che, stando alla sua confessione, ha ammazzato e violentato una 15enne.
«Lo so. Anche quando ha detto di aver trovato il cellulare della ragazza, un fatto assurdo se ci pensa, in molti gridavano che era vittima di un depistaggio. Ora credo che sia completamente impazzito, che abbia perso il senso dell'orientamento».

Il Comune di Avetrana si costituirà parte civile nel processo contro Misseri?
«E' una possibilità che stiamo vagliando. Il nostro è un paese molto vivace: ha due oratori, 29 associazioni e una miriade di manifestazioni culturali. In più non presenta alcuna forma di criminalità organizzata o di disordine pubblico».

E' un paese, permetta, dal quale i giovani vogliono scappare. Come Sarah.
«E' vero, non c'è molto lavoro. Ma sa come si dice qui? Per 10 che vogliono scappare, ce ne sono 100 che vogliono tornare».

Tra qualche giorno ci saranno i funerali della ragazza. Come vi organizzerete?
«Pensiamo di proclamare il lutto cittadino. Terremo la cerimonia nella Chiesa di San Giovanni Battista, la più grande del paese. La madre della ragazza è una testimone di Geova, ma poco importa. Quel che conta è starle vicino in tutti i modi».

>> SARAH IL TELEFONINO FATTO TROVARE PER DEPISTARE

>> SARAH SCAZZI, LA FOTO STORIA

>>SUL SUO DIARIO: «SABRINA E' GELOSA DI ME»

>> LO ZIO RITROVA IL CELLULARE DI SARAH

>> GIALLO DI AVETRANA, SARAH PENSAVA ALLA FUGA. SEQUESTRATI I CELLULARI DELLE CUGINE

>> SARAH SCAZZI, SI CERCA SU FACEBOOK

>> SARAH SCAZZI, SI INDAGA SU UN'EREDITA'

>> SARAH SCAZZI, SI IPOTIZZA LA FUGA

>> SARAH SCAZZI, SI CERCA UN RAGAZZO

>> SARAH SCAZZI, TROVATO TESTIMONE CHE L'HA VISTA PER ULTIMO

>>SARAH, L'APPELLO DELLA MADRE

 




Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
caracolina 74 mesi fa

Addio piccola sfortunata\ e ingenua Sarah...

caracolina 74 mesi fa

C'e ancora molto da scoprire, ma penso che non l'abbia uccisa per un raptus, ma solo per impedirle di parlare. Sicuramente l'aveva molestata precedentemente....e lei aveva tenuto per sè quella cosa orrenda che le era successo.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).