DALL'ITALIA17:07 - 08 ottobre 2010

Bamboccioni, in Italia sono soprattutto uomini

Superati i 25 anni, due ragazze su tre mettono su casa in proprio. Male gli uomini. Nella fascia 25-34 anni quasi la metà (il 48%) non si schioda dalla cameretta dei genitori. Record della Danimarca: solo il 3% dei maschi e lo 0,5% delle femmine rimane in famiglia

di staff Style.it
<p>Bamboccioni, in Italia sono soprattutto uomini</p>

In Italia i bamboccioni sono di sesso maschile. Secondo i dati pubblicati dall'istituto di ricerca Eurostat, il 91,8% dei maschi e l'82,5% delle femmine vivono con i genitori nella fascia d'età tra i 18 ed i 24 anni (mentre la media europea è rispettivamente di 81,5% e 71%).

Superati i 25 anni, le ragazze iniziano a mettere su casa in proprio. Solo il 32,7% rimane con la famiglia d'origine. Gli uomini invece continuano a restare con mamma e papà, visto che nella fascia 25-34 anni il 47,7% non si schioda dalla cameretta.

In Europa, gli italiani bamboccioni trovano come degni concorrenti solo i bulgari (61,4%), gli sloveni (60,3%), gli slovacchi (55,6%), i greci (55,7%), i maltesi (48,5%) ed i romeni (48,0%).

Guardando al nord Europa, il confronto diventa impietoso: solo il 2,8% dei maschi danesi e lo 0,5% delle femmine resta con i genitori una volta superati i 25 anni (3,9% e 2% in Svezia, 8% e 1,9% in Finlandia, 4,7% e 2,2% in Norvegia).

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Fabio 71 mesi fa

certo che se uno vive a casa con i genitori ma lavora e contribuisce alle spese non vedo dove sia "bamboccione", In Italia è alta la percentuale di chi vive ancora con i genitori ma lavora, come mai questo non si dice? per me chi lavora non è bamboccione, i bamboccioni sono quelli che non vogliono fare niente e non mi sembra che il lavorare o studiare rientri in questo

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).