DAL MONDO17:15 - 09 ottobre 2010

Strage in Afghanistan: uccisi 4 militari italiani

I militari morti nell'imboscata di Farah sono: Gianmarco Manca, 32 anni, Marco Pedone, 23 anni, Sebastiano Ville, 27 anni e Francesco Vannozzi, 26. C'è un quinto soldato gravemente ferito. Si tratta di Luca Cornacchia, 31 anni. Sulla sua bacheca Facebook il diario dall'Afghanistan: «Sono stufo di stare qui».

di staff Style.it
<p>Strage in Afghanistan: uccisi 4 militari italiani</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Quattro militari italiani sono stati uccisi oggi in Afghanistan e un altro è rimasto grevemente ferito. I quattro alpini sono rimasti vittime di un'imboscata nella provincia di Farah, mentre con un'autocolonna si spostavano verso la valle del Gullistan per portare il materiale necessario alla costruzione di una nuova base. Le vittime sono: Gianmarco Manca, 32 anni, Marco Pedone, 23 anni, Sebastiano Ville, 27 anni e Francesco Vannozzi, 26.

Il quinto soldato gravemente ferito è Luca Cornacchia, 31 anni. Sulla sua bacheca Facebook il diario dall'Afghanistan: «Sono stufo di stare qui».

A provocare la strage, stamane attorno alle 9 (le 7 in Italia), un cosiddetto Ied, ovvero un Improvised explosive device, letteralmente «un ordigno rudimentale», ma potentissimo e capace di distruggere il blindato Lince su cui viaggiavano i militari italiani. All'esplosione è seguito un attacco con armi da fuoco da parte di guerriglieri talebani, messi poi in fuga.

Il bilancio delle vittime italiane in Afghanistan, dall'inizio della missione di pace Isaf nel 2004, raggiunge così la cifra di 34 morti. L'ultimo attacco mortale risale al 17 settembre.

VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).