DAL MONDO17:06 - 01 ottobre 2010

La scoperta: se rifiutati, il cuore perde un colpo

Un curioso studio pubblicato sulla rivista Usa Psychological, ha dimostrato come il cuore umano si ferma e perde colpi, nel senso letterale e organico del termine, di fronte al senso di rifiuto e rigetto sociale.

di Greta Privitera
<p>La scoperta: se rifiutati, il cuore perde un colpo</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

«Se mi lasci mi spezzi il cuore», è un'affermazione (quasi) vera. Infatti, un curioso studio pubblicato sulla rivista Usa Psychological, ha dimostrato come il cuore umano si ferma e perde colpi, nel senso letterale e organico del termine, di fronte al senso di rifiuto e rigetto sociale. 
Davanti a un rifiuto inatteso, la fine di una storia d'amore, la bocciatura a un esame o il licenziamento, le persone vengono colpite non solo da stress emotivo ma anche fisico, misurabile in termini di aumento del cortisolo (l'ormone dello stress), di risposta del sistema parasimpatico e di funzionalità cardiaca.

Condotta dall'università di Amsterdam, la ricerca ha analizzato la reazione cardiologica di 22 studenti che avevano appena ricevuto una risposta di accettazione o di rifiuto. I giovani avevano presentato una loro foto ritratto a colleghi e superiori e aspettavano la loro reazione.

Tutti gli studenti erano collegati agli elettrodi per l'elettrocardiogramma quando hanno ricevuto il giudizio sulla loro foto: il cuore di quelli rifiutati «ha saltato un colpo, il battito cardiaco è rallentato, per poi ritornare alla normalità ma in ritardo rispetto agli altri». La stessa identica reazione, di saltare un battito cardiaco, è stata registrata quando gli studenti sono stati giudicati dalla foto più vecchi della loro reale età. «Sentirsi rifiutati», ha concluso lo studio, «può quindi davvero fermare il cuore».

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

22 non è un pò pochino per fare statistica?

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).