DAL MONDO11:48 - 11 ottobre 2010

Cina, la moglie del Nobel ai domiciliari

Liu Xia, partner del premio Nobel per la Pace Liu Xiaobo, ha confermato su Twitter di essere stata messa agli arresti domiciliari. «Il mio cellulare è fuori uso - ha scritto - e non posso effettuare nè ricevere chiamate»

di staff Style.it
<p>Cina, la moglie del Nobel ai domiciliari</p>
PHOTO AP/LAPRESSE

GUARDA LA GALLERY DEI PREMI NOBEL DAL 2008 AL 2010

Liu Xia ha confermato su Twitter di essere agli arresti domiciliari a Pechino e di non poter usare il telefono.

La moglie del dissidente cinese e premio Nobel per la Pace Liu Xiaobo ha scritto sul popolare social network di microblogging: «Amici miei, sono tornata a casa. L'8 ottobre sono stata messa agli arresti domiciliari. Non so quando potrò vedere qualcuno. Il mio cellulare è fuori uso e non posso effettuare nè ricevere chiamate».

La donna ha confermato anche di aver fatto visita in carcere al marito: «Ho visto Xiaobo e gli ho detto che ha vinto il premio. Vi dirò altro più tardi. Per favore, aiutatemi tutti voi a comunicare tramite Twitter. Grazie», ha chiesto infine la Liu.

La donna non ha contatti col mondo esterno ed è guardata a vista dalla polizia politica cinese. Poliziotti in borghese e guardie private controllano tutte le persone che entrano ed escono dal centro residenziale nel quale abita la Liu.

Leggi anche:

>> Il premio Nobel Liu Xiaobo incontra la moglie in carcere

>> Nobel per la Pace al cinese Xiaobo. L'ira di Pechino: «Un'oscenità»

GUARDA LA GALLERY DEI PREMI NOBEL DAL 2008 AL 2010

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).