DAL MONDO12:11 - 11 ottobre 2010

Sakineh, arrestati il figlio e l'avvocato. Lei rischia l'impiccagione

La polizia iraniana ha messo in stato di fermo il figlio maggiore e il legale della donna accusata di adulterio e complicità nell'omicidio del marito. I due stavano rilasciando un'intervista a due giornalisti tedeschi nell'ufficio dell'avvocato a Tabriz.

di staff Style.it
<p>Sakineh, arrestati il figlio e l'avvocato. Lei rischia
l'impiccagione</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Uno dei figli e l'avvocato di Sakineh Mohammadi Ashtiani, sono stati arrestati dai servizi dell'intelligence iraniani.

La polizia ha fatto irruzione nell'ufficio del legale che, assieme a Sajjad, figlio maggiore della donna iraniana condannata alla lapidazione per adulterio e complicità nell'omicidio del marito, si accingeva a dare un'intervista a due giornalisti tedeschi, pure loro portati via dagli agenti.

La notizia è stata pubblicata dal sito d'opposizione iraniana Iran Press News. A confermarla, è Taher Djafarizad, responsabile dell'organizzazione Neda Day per la difesa dei diritti umani in Iran. Da ieri sera il cellulare dell'avvocato è spento.

Sakineh dall'11 agosto è rinchiusa nel braccio speciale della prigione di Tabriz. E adesso rischia di essere impiccata.

Leggi anche:

>> «Per i figli di Sakineh attivate tutte le ambasciate europee»

>> I figli di Sakineh chiedono asilo in Italia

>> Iran, «Sakineh non sarà lapidata. Sarà impiccata»

>> Sakineh, sospesa sentenza di morte

>> Iran: sulla lapidazione di Sakineh interviene Carla Bruni

>> Sakineh, il figlio sbaglia: le 99 frustate non sono ancora state inflitte

>> Iran, i giudici sospendono la lapidazione della donna adultera


GUARDA LE FOTO DELLA MOBILITAZIONE INTERNAZIONALE PER SALVARE SAKINEH

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).