DAL MONDO10:41 - 11 ottobre 2010

Vienna, trionfa l'estrema destra

Alle elezioni regionali la destra radicale austriaca raddoppia i voti (27%). Crollano tutti gli altri partiti. Festeggia Strache, il leader del Fpoe, capace di accendere gli animi viennesi con boutade contro gli immigrati e l'Islam

di staff Style.it
<p>Vienna, trionfa l'estrema destra</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Trionfa l'estrema destra a Vienna. Alle elezioni regionali, il partito di Heinz-Christian Strache (Fpoe) ha quasi raddoppiato i voti ricevuti, ragigungendo il 27,2%.

Crolla il partito socialdemocratico : oltre a perdere cinque punti, dal 49% al 44,5%, la formazione del sindaco Michael Haeupl ha perso la maggioranza assoluta dei seggi. Male anche il partito popolare (Oevp), giù al 13%, i Verdi, al 12,1%, (-2,6%).


Strache, il leader del partito di destra, è il vero vincitore di Vienna la "rossa". Al comando della Fpoe è arrivato nel 2005, dopo la fuoriscita di Haider, fino ad allora leader, che se ne andò e fondò la Bzoe. 41 anni, è descritto da tutti come un ottimo segugio degli istinti popolari. Per questo la sua ascesa gli ultimi anni è dovuta anche grazie al voto di molti elettori di sinistra delusi dal partito socialdemocratico (Spoe).

I suoi piatti forti? L'anti immigrazione, l' Islam, il divieto del Burqa e dei minareti, la lotta ai privilegi dei potenti.  il tutto con le armi di un populismo elementare che fa appello allo scontento e alle paure della gente per il posto di lavoro e la sicurezza.

Anche durante la campagna elettorale ha surriscaldato il clima con una serie di trovate propagandistiche di sapore razzista. Come un videogioco contro la costruzione di moschee in cui il giocatore deve fare il tiro a segno contro i minareti.

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).