DALL'ITALIA10:59 - 12 ottobre 2010

Tassista aggredito ancora grave. «Massacrato da una banda»

Sono ancora gravi e «con persistente pericolo di vita» le condizioni in cui versa Luca Massari, il tassista 45enne aggredito domenica scorsa a Milano, dopo aver incidentalmente investito un cane

di staff Style.it
<p>Tassista aggredito ancora grave. «Massacrato da una banda»</p>
PHOTO LAPRESSE

Sono ancora gravi e «con persistente pericolo di vita» le condizioni in cui versa Luca Massari, il tassista 45enne aggredito domenica scorsa a Milano, dopo aver incidentalmente investito un cane.

Per la polizia sarebbero stati almeno in tre o quattro gli aggressori: amici, forse componenti una banda, tutti accorsi a dar man forte a Michel Morris Ciavarella: 31 anni, un precedente penale per lesioni, è il cognato della proprietaria del cane, il primo ad accanirsi contro il tassista: «E' sceso dalla macchina e sembrava scusarsi senza dire nulla - ha detto dopo l'arresto - mi ha innervosito e l'ho colpito».

La squadra mobile di Milano, coordinata dal pm Tiziana Siciliano, continua a rastrellare il quartiere Antinini, nella zona sud-est della città, alla ricerca degli altri aggressori. Il clima, spiegano i poliziotti, è pesantissimo. I residenti non risparmiano critiche e insulti alle pattuglie; nessuno di loro ha visto niente. Del resto i tre testimoni che hanno deciso di mettere a verbale le loro dichiarazioni sono stati tutti minacciati.

Continua intanto il dibattito sulla sicurezza nel capoluogo milanese. Dopo la proposta della Lega di dotare i tasssisti di manganelli e spray urticanti, oggi è previsto un incontro tra gli assessori comunali competenti e le associazioni della categoria, per valutare le proposte per migliorare la sicurezza del sistema.

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).