DAL MONDO12:12 - 12 ottobre 2010

Ad Atlanta staminali per curare una lesione spinale

Messo in atto allo Shepherd Center di Atlanta il primo trattamento con cellule embrionali umani. Il paziente è affetto da lesione spinale che lo rende parzialmente paralizzato

di Angelo Sarasi
<p>Ad Atlanta staminali per curare una lesione spinale</p>

Lo Shepherd Center di Atlanta entra nella storia della medicina per avere messo in atto il primo trattamento con cellule embrionali umani, avvenuto su di un paziente affetto da lesione spinale che lo rendeva parzialmente paralizzato.

All'uomo, la cui identità è rimasta segreta, sarebbero state somministrate milioni di staminali secondo quanto ha reso noto la Geron Corp di Menlo Park, sponsor principale di questa ricerca autorizzata dalla Food and Drug Administration del Governo americano.

Una notizia destinata a provocare nuove polemiche dopo che Obama aveva deciso di finanziare le ricerche sulle cellule staminali embrionali, mentre in agosto un giudice federale aveva stabilito che questa scelta del presidente era stata presa in palese violazione della  legge federale che vieta di usare il denaro delle tasse per studi che prevedono la distruzione di embrioni umani.

Il Dipartimento federale ha presentato appello, e nel frattempo ad Atlanta sono cominciate le sperimentazioni. Per attestare gli eventuali benefici, molto probabili secondo gli scienziati che stanno effettuando da anni ricerche in questo campo, bisognerà attendere però ancora un po' di tempo.

Le cellule usate da Geron provengono da embrioni umani rimasti inutilizzati in precendenti trattamenti di fertilità, destinate a "viaggiare" sino al punto chiave della lesione del midollo spinale per contribuire così a rigenerare i nervi danneggiati.

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).