DALL'ITALIA16:43 - 15 ottobre 2010

Negazionismo, presto una legge alle Camere

Ok di Schifani e Fini a calendarizzare una discussione su un disegno di legge che introduca il reato di negazionismo. La polemica dopo la lezione del professor Claudio Moffa, secondo cui «non c'è alcun documento di Hitler che dica di sterminare tutti gli ebrei»

di staff Style.it
<p>Negazionismo, presto una legge alle Camere</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Ok di Schifani e Fini a calendarizzare una discussione su un disegno di legge che introduca il reato di negazionismo. Oltre ai presidenti di Camera e Senato, anche i principali esponenti di tutti i partiti dello schieramento parlamentare hanno accolto con favore la proposta rilanciata da Riccardo Pacifici.

Il presidente della Comunità ebraica di Roma aveva chiesto l'introduzione del reato dopo le polemiche suscitate dall'intervento del professor Claudio Moffa. Che, nella lezione conclusiva del master «Enrico Mattei in vicino e medio oriente» all'università di Teramo, aveva sostenuto che «non c'è alcun documento di Hitler che dica di sterminare tutti gli ebrei».

A giudizio di Pacifici, va approvata «una legge che una volta per tutte in Italia renda reato il negazionismo e il ridimensionamento dei numeri della Shoah». Di qui la richiesta alla classe politica italiana e ai presidenti di Camera e Senano affinché si impegnino, entro il 27 gennaio prossimo, a «mettere nero su bianco un testo di legge sul negazionismo, da far discutere e approvare dal nostro Parlamento».

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).