DAL MONDO16:30 - 27 ottobre 2010

Osama minaccia la Francia: «Non impedite il velo alle nostre donne»

In un messaggio audio diffuso da Al Jazira, il leader di Al Qaeda si scaglia contro la Francia «tiranna», «colpevole» di aver invaso l'Afghanistan e di aver impedito alle donne francesi di indossare il velo: «L'unica maniera per conservare la vostra sicurezza è di mettere fine alle vostre ingiustizie verso l'Islam»

di staff Style.it
<p>Osama minaccia la Francia: «Non impedite il velo alle nostre
donne»</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Osama Bin Laden torna a parlare. Tramite un messaggio audio diffuso dall'emittente araba di Al Jazira, il leader di Al Qaeda si è rivolto alla Francia «tiranna», «colpevole» di aver invaso l'Afghanistan e di aver impedito alle donne francesi di indossare il velo: «La vostra ingiustizia è che pensate di avere il diritto di impedire alle nostre donne di mettere il velo» ha accusato Osama.

«Non è allora nostro diritto fare uscire i vostri uomini, gli invasori, dai nostri paesi uccidendoli? L'equazione è molto semplice e chiara: così come voi uccidete, sarete uccisi, così come fate prigionieri, sarete imprigionati e così come violate la sicurezza della nostra nazione, anche la vostra sarà violata. E colui che inizia» ha continuato «è il più ingiusto».

Bin Laden ha giustificato il rapimento di alcuni tecnici francesi avvenuto in Niger come «una risposta alla tirannia della Francia nei confronti dei musulmani». Infine, la minaccia diretta alla nazione europea: «L'unica maniera per conservare la vostra sicurezza è di mettere fine alle vostre ingiustizie verso l'Islam attraverso il ritiro dalla guerra che è stata cominciata da Bush in Afghanistan». Parigi, ha concluso, deve «trarre la lezione dagli Usa che sono sull'orlo di un fallimento a causa della guerra».

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).