DALL'ITALIA08:32 - 27 ottobre 2010

Proposta di legge: quote rosa nelle aziende

Tre donne su dieci dovranno sedere nei Consigli di amministrazione. Il ministro dell’Economia ha dato il via libera (con qualche condizione) alla proposta di legge bipartisan.Manca solo il nulla osta del governo che potrebbe arrivare dal prossimo Consiglio dei ministri

di staff Style.it
<p>Proposta di legge: quote rosa nelle aziende</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Per legge, tre donne su dieci dovranno sedere nei Consigli di amministrazione. Il ministro dell'Economia Giulio Tremonti  ha dato il via libera (con qualche condizione) alla proposta di legge bipartisan  sulle quote rosa  nelle aziende. Le firmatarie di centrodestra e centrosinistra hanno detto che accoglieranno i rilievi del ministro. Ora, per il sì della Camera, manca solo il nulla osta del governo che potrebbe arrivare già dal prossimo Consiglio dei ministri. A quel punto, la proposta di legge che bilancia la presenza delle donne nelle società partecipate e in quelle quotate sarà tutta in discesa. Le promotrici, Lella Golfo  del Pdl e Alessia Mosca del Pd sostengono si tratti di un traguardo storico. I dubbi sull'iniziativa arrivano da chi sostiene che le quote rosa sono innaturali: le donne dovrebbero arrivare al comando per "selezione naturale".

Intanto, dal ministero delle Pari opportunità  assicurano che si può contare sull'ok del governo. E il ministro Mara Carfagna, che aveva prima espresso dubbi sulla proposta, adesso sembra promuoverla e la definisce: Equilibrata.

Si tratterebbe di una rivoluzione rosa che potrebbe portare l'Italia in cima alla classifica dei Paesi virtuosi in fatto di pari opportunità.

Adesso, nelle stanze dei bottoni delle quaranta maggiori società italiane ed estere quotate alla Borsa italiana, siedono 36 donne su 850 consiglieri.

Ma vediamo che cosa succede nelle altre nazioni:

-          In Norvegia è prevista da tempo la proporzione del 40 % di donne che siedono nei board. La Norvegia, del resto, è la nazione dove l'occupazione femminile è al 75 % circa.

-          In Francia, il raggiungimento del 40 % di donne è previsto nell'arco di sei anni.

-          In Spagna esiste il patto di presenze equilibrate di donne che comandano nelle aziende.

 

TORNA ALLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).