DALL'ITALIA10:37 - 28 ottobre 2010

L'Italia dei divieti strani

No a minigonne, kebab e nani da giardino: le ordinanze più bizzarre dei Comuni-Stato, ora raccolte in un libro

di Sara Tieni
<p>L'Italia dei divieti strani</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Quello anti crocefissi di Trivolzio (Pavia), che ne vieta l'esposizione nei locali pubblici e bar, ma anche quello anti-nani da giardino che a Salerno impone di non esporre le statuine colpevoli «dell'alterazione dell'ambiente naturale»: sono moltissimi i divieti pazzi in giro per l'Italia. Ora un gruggo di studiosi del Diritto, ha deciso di dedicare un libro al fenomeno.

Il saggio del Mulino su «Le regioni» indaga sugli effetti del pacchetto Maroni sulle ordinanze dei sindaci.

Uno dei più eclatanti è del primo cittadino di Castellammare che vietò «abiti succinti, minigonne, maglie e camicie scollate», attirando l'attenzione, con quell'ordinanza retrò, della stampa internazionale, da ll'australiano Daily Telegraph all'americano Huffington Post.

Ce n'è per tutti i gusti:  E se il sindaco di Albenga (Savona), ha vietato i kebab, facendo un'ordinanza restrittiva dei laboratori artigianali, il sindaco di Mariano Comense ha vietato la sosta a «camper, furgoni, autoveicoli e tende o attrezzature da campeggio».

Incredibile anche l'ordinanza del sindaco di Saluggia che vietava «l'utilizzo del riso per l'esternazione rituale di auguri e festeggiamenti agli sposi», suggerendo di sostituire il cereale con «petali di riso» o quella del primo cittadino di Eraclea che esortava sì i bambini a costruire i castelli di sabbia ma ad essere cauti con paletta e secchiello  «perché anche fare buche che modificano in modo pericoloso la percorribilità a piedi della spiaggia».

La consolazione a questi decreti assurdi? Le ordinanze che ironizzano sulle ordinanze stesse. Un esempio è quella del sindaco di Acquapendente che, furente per i tagli alla sanità decisi nel Lazio da Renata Polverini, ha ordinato dal prossimo primo gennaio ai concittadini di «evitare di contrarre qualsasi malattia e patologia che necessiti un intervento ospedaliero soprattutto d'urgenza».

VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).