DALL'ITALIA15:25 - 29 ottobre 2010

Addio figli e figliastri, ora tutti eguali davanti alla legge

Approvato dal Cdm un ddl delega che annulla qualsiasi distinzione tra i figli legittimi e quelli naturali.Previsto anche l'obbligo per i genitori di ascoltare i minori prima di adottare decisioni che li riguardano

di staff Style.it
<p>Addio figli e figliastri, ora tutti eguali davanti alla
legge</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Naturali o legittimi, i figli saranno unici, almeno a livello giuridico. Il disegno di legge delega approvato dal Consiglio dei Ministri odierno annulla qualsiasi distinzione tra i figli e i figliastri, ovvero quelli nati fuori dal matrimonio.

Nel Codice civile esisterà soltanto lo status di «figlio», la cui origine sarà specificata con le formula «nato nel matrimonio» oppure «nato fuori dal matrimonio».

Soddisfatti il sottosegretario con delega alle Politiche familiari, Carlo Giovanardi («Si tratta di una svolta epocale») e il ministro per le Pari opportunità, Mara Carfagna («Abbiamo cancellato un'odiosa e anacronistica discriminazione che andava a colpire i più piccoli, l'anello più debole di ogni famiglia»).

Il ddl prevede anche l'obbligo per i genitori di ascoltare i figli prima di adottare decisioni che riguardano il loro futuro. «Era stato anche proposto il 'diritto a essere amato'» ha detto Giovanardi, spiegando che l'idea è stata accantonata perché si tratta di «un diritto non esigibile dal punto di vista giuridico».

Infine, la norma stabilisce che lo stato di abbandono di un figlio non potrà essere più giustificato sulla base della sola indigenza dei genitori. 

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).