DAL MONDO13:28 - 29 ottobre 2010

Le impedisce di giocare su Facebook, madre ammazza il figlio di pochi mesi

Con i suoi lamenti e pianti, disturbava la sua partita a FarmVille, il popolare gioco del social network. Per questo una donna della Florida (Usa) ha ucciso il figlioletto di pochi mesi

di Angelo Sarasi
<p>Le impedisce di giocare su Facebook, madre ammazza il figlio di
pochi mesi</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Con i suoi lamenti e pianti la disturbava, impedendole di comunicare con gli amici su Facebook. Per questo motivo, una donna della Florida ha ucciso il figlioletto di pochi mesi di età, come ha ammesso alla polizia durante l'interrogotorio subito dopo il fermo.

La madre, Alexandra Tobias, ha confessato di avere scosso il bimbo per farlo smettere, con eccessiva violenza. «Ho avuto uno scatto d'ira» ha detto «Non ne potevo più di sentirlo lamentarsi in quel modo, andava avanti così da tutta la giornata. Io volevo giocare a FarmVille per rilassarmi un po', ma era impossibile concentrarsi sul sito di Facebook, ero sola in casa, non c'era nessuno che potesse aiutarmi o darmi il cambio, e il bambino insisteva».

La donna si è detta «pentita. E' stata una questione di pochi attimi, non volevo ucciderlo, mi sono limitata a scuoterlo ma credo di avere esagerato».

La confessione e il pentimento espresso di fronte agli inquirenti di Jacksonville difficilmente, però, la salveranno da un condanna sino a 25 anni di carcere.

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
carmen 71 mesi fa

25 anni in carcere? mi sembrano troppo pochi per una stronza del genere... io butterei la chiave... molte mamme hanno il desiderio di avere figli e non possono , quelle che c'è l'hanno usano i figli come bellezza... i figli sono doni mandati dal cielo... una mamma con un figlio di pochi mesi cosa ci faceva su facebook?? questo facebook sta rvinando la nuova era... è diventata peggio della droga.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).