DALL'ITALIA15:23 - 31 ottobre 2010

Brescia, continua la protesta degli immigrati

Sono ancora otto gli extracomunitari che, sotto la pioggia, sono ancora sulla gru per protestare contro lo sgombero di un loro presidio, allestito per chiedere una sanatoria per gli irregolari. «Non ci sarà una riposta positiva», hanno detto, chiedendo un incontro con il ministro degli Interni Maroni

di staff Style.it
<p>Brescia, continua la protesta degli immigrati</p>
PHOTO LAPRESSE

Prosegue a Brescia la protesta degli immigrati che nel pomeriggio di ieri sono saliti su una gru nel cantiere della metropolitana di piazzale Cesare Battisti per protestare contro lo sgombero di un loro presidio.
Gli immigrati sono saliti durante una manifestazione non autorizzata, nella quale chiedevano la sanatoria per gli irregolari, in cui si sono verificati anche degli scontri con le forze nell'ordine.

Ieri le persone sulla gru erano nove, ora sono rimaste in otto. Si tratta di: due egiziani, due pachistani, un indiano, un marocchino e due senegalesi. «C'è un vento molto forte e la pioggia, le nostre coperte sono bagnate. Ma non scendiamo finché non ci sarà una riposta positiva», ha detto all'Ansa un immigrato ancora sulla gru. Chiedendo anche un incontro con il ministro degli Interni Roberto maroni e con il prefetto di Brescia.

Quello che ha vissuto ieri Brescia è stato un pomeriggio di tensioni, scontri, arresti, occupazioni. Mentre partivano i festeggiamenti dedicati agli alpini, il centro della città è stato catalizzato dalla protesta degli immigrati.

Nella protesta, anche un richiamo alla vicenda di Ruby. «Berlusconi aiutaci, abbiamo bisogno del tuo buon cuore», era scritto sul cartello che un manifestante mostrava, a una decina di metri d'altezza, sulla gru.

 

TORNA ALLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
ctv telestreet 70 mesi fa

potete seguire gli eventi con video aggiornati costantemente al seguente indirizzo web: http://tubo.ctvmail.org

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).