DAL MONDO13:23 - 31 ottobre 2010

Istanbul, attentato kamikaze in centro

Un morto e 22 feriti, di cui due gravi nella grande piazza Taksim. La vittima è il kamikaze, che si è fatto esplodere vicino a un blindato della polizia, sulla sponda europea della città. Nella piazza la polizia ha poi trovato altri ordigni inesplosi. Per ora, sembra non ci fossero italiani coinvolti nell'esplosione

di staff Style.it
<p>Istanbul, attentato kamikaze in centro</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Un attentato kamikaze ha sconvolto il centro di Istanbul questa mattina: un morto e 22 feriti, di cui due gravi nella grande piazza Taksim. La vittima è il kamikaze, che si è fatto esplodere vicino a un blindato della polizia parcheggiato davanti a un commissariato, sulla sponda europea della città. Nella piazza la polizia ha poi trovato altri ordigni inesplosi: gli artificieri sono al lavoro per disinnescarli.

I feriti sono dieci poliziotti e 12 civili. Due gravi: sono agenti che stavano presidiando una manifestazione di protesta di alcuni studenti. La piazza era molto affollata. Secondo fonti del Consolato italiano non risultano italiani coinvolti nell'attacco, ma sono in corso ulteriori accertamenti. «Abbiamo preso contatti con il governatore della città. Stiamo continuando le ricerche per poter accertare senza alcun dubbio che tra i feriti non vi siano nostri connazionali», - ha detto l'ambasciatore Gianpaolo Scarante .

Le modalità dell'attentato portano a pensare a un'azione di Al Qaeda più che a un attacco dei ribelli curdi. Che, nella loro lunga lotta contro il governo di Ankara, hanno fatto ricorso a un solo, nel 2003. Al Qaeda invece, negli ultimi anni, ha messo a segno in Turchia diversi attacchi suicidi.

 

TORNA ALLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).