DAI PALAZZI11:18 - 17 ottobre 2010

Sabrina: mio padre mi ha incastrato

Di lei gli inquirenti dicono che abbia una personalità dominante. Sabrina, la cugina di Sarah accusata con il padre Michele di averla uccisa, non cede

di staff Style.it
<p>Sabrina: mio padre mi ha incastrato</p>

VAI ALLO SPECIALE

Di lei gli inquirenti dicono che abbia una personalità dominante. Sabrina, la cugina di Sarah accusata con il padre Michele di averla uccisa, non cede.

Agli avvocati Emilia Velletri e Vito Russo ha chiesto: "Ma cosa ha detto di me la Palombelli a Quarto grado? E poi cosa pensano i miei amici? Emilia, avvocato, tieni i nomi, per favore, chiedi a Valentina: voglio sapere uno per uno cosa stanno dicendo in questo momento queste persone".

Non piange. E continua a ripetere che lei non c'entra: "Sono innocente. Io non ho fatto assolutamente niente di quello che mi viene contestato. Quello è impazzito: ha già ammazzato Sarah che non gli aveva fatto niente di male, l'ha violata, e ora vuole uccidere me". Dice: "Fatemelo incontrare, deve dire quelle cose che ha detto ai magistrati davanti a me".

Il confronto probabilmente non ci sarà, i due saranno sentiti separatamente nel corso dell'incidente probatorio anche perché  gli investigatori temono che lei possa sopraffare completamente il padre.

"Sabrina è forte" ripetono i suoi avvocati. In realtà lo dicono anche i carabinieri del Rac, il Reparto analisi criminologiche del Ris. Gli uomini di altissima specializzazione, guidati dal tenente colonnello Giorgio Stefano Manzi, hanno consegnato nelle mani degli investigatori il giorno prima della confessione di Misseri una relazione di 16 pagine che tratteggiava i contorni di questa storia. E che descrive Sabrina come, "un modello di personalità quasi adulto-morfa". In sostanza Sabrina è molto più grande della sua età, ha una personalità dominante anche nei confronti dei genitori:

Non può leggere giornali e vedere la televisione. Ma è convinta che suo padre con il suo racconto l'abbia incastrata. Lui ora ripete l'ultima versione. Sabrina trascina Sarah giù. Scoppia una lite violenta forse tra le due ragazze, forse tra tutti e tre. Poi Sabrina la tiene stretta, («cinturandola», si legge nel decreto di fermo), mentre lui «la strangola con una corda». Quando Sarah cade a terra esanime Sabrina scappa via sconvolta, mentre lui la carica sulla Seat Marbella, non lo segue mentre vaga per le campagne attorno ad Avetrana perché «non sapevo dove metterla», non lo vede mentre (sempre secondo il suo racconto) la spoglia per violentarla.

Contro Sabrina però, a parte le dichiarazioni del padre, ci sarebbero orari che non tornano fra la sua deposizione e quella dell'amica Mariangela, sms dai quali si capirebbe che lei sapeva tutto già dal giorno della scomparsa, impronte sul vano batterie del cellulare di Sarah e contrasti anche fra il racconto di sua madre Cosima e il suo sull'ora in cui si è alzata dal letto per aspettare Sarah che stava arrivando. Per la procura ce n'è abbastanza per portare la ragazza davanti al giudice ma lei è convinta di potere ribattere tutto punto su punto.

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).