DALL'ITALIA11:42 - 03 novembre 2010

Da Atene pacco bomba diretto a Berlusconi

Il pacco, che sembrava contenere libri, non era di grandi dimensioni e pesava circa due chili. Recava l'indirizzo «palazzo Chigi-Roma» ed era indirizzato proprio a Berlusconi. C'e' stata una fiammata quando l'artificiere della polizia lo ha aperto, con tutte le cautele del caso; non ci sono stati danni alle persone.

di Greta Privitera
<p>Da Atene pacco bomba diretto a Berlusconi</p>

Si è incendiato, durante l' intervento dell'artificiere, il presunto pacco bomba indirizzato a Silvio Berlusconi e che viaggiava a bordo dell'aereo cargo Tnt diretto da Atene a Parigi, atterrato in emergenza verso le 22.15 all'aeroporto Marconi di Bologna. Il pacco, che sembrava contenere libri, non era di grandi dimensioni e pesava circa due chili.

Recava l'indirizzo «palazzo Chigi-Roma» ed era indirizzato proprio a Berlusconi. C'e' stata una fiammata quando l'artificiere della polizia lo ha aperto, con tutte le cautele del caso; non ci sono stati danni alle persone. Quello che resta del plico e' stato poi prelevato dagli artificieri per sottoporlo ad analisi e capire che sostanza vi fosse all'interno. Subito dopo l'atterraggio, l'aereo è stato sistemato in una zona defilata dell'aeroporto e lontana dai terminal, mentre lo scalo è stato chiuso per ragioni di sicurezza (sette voli in arrivo, uno da Palermo e gli altri dall'Europa, sono stati dirottati su altri scali).

Ad avvisare il pilota del cargo che a bordo poteva avere un pacco bomba sarebbe stata la stessa compagnia di spedizione della merce, la Tnt; le notizie dei pacchi bomba spediti da Atene, in particolare quello diretto alla cancelliera tedesca Angela Merkel, hanno fatto sì che la società disponesse ulteriori controlli sulla merce partita nelle ultime ore, e la verifica avrebbe consentito di scoprire che un pacco era indirizzato a Berlusconi.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).