DALL'ITALIA19:31 - 04 novembre 2010

Sicurezza nei cantieri: «Manager responsabili degli infortuni sul posto di lavoro»

La Cassazione: «Il Consiglio di amministrazione risponde delle violazioni della normativa»

di Sara Tieni
<p>Sicurezza nei cantieri: «Manager responsabili degli infortuni
sul posto di lavoro»</p>
PHOTO LAPRESSE

Sentenza storica per gli infortuni sui luoghi di lavoro: oggi la Cassazione ha stabilito che saranno i manager a rispondere per la mancata predisposizione delle misure di sicurezza nelle fabbriche e nei posti di lavoro.

La sentenza descreta che, in caso di violazione della normativa sulla sicurezza, ne risponda l'intero Consiglio di amministrazione. Il principio - pronunciato con riferimento alla responsabilità dei vertici Montefibre dello stabilimento piemontese di Verbania, dove undici operai sono morti per aver inalato amianto - vale anche nel caso in cui le deleghe sulla salute e l'igiene, negli stabilimenti o negli uffici, siano state affidate a un singolo componente.

La sentenza fa riferimento a un caso, scoppiato negli anni '70, quasi 10 anni prima delle campagne di sensibilizzazione contro sulla pericolosità delle inalazioni delle polveri d'amianto.

Ora i giudici della Cassazione hanno confermato le condanne dei consiglieri di amministrazione e del direttore dello stabilimento a prescindere dalle conoscenze dell'epoca.

VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).