DALL'ITALIA10:22 - 11 novembre 2010

Arriva Amazon in Italia, 8 mln di italiani fanno shopping online

Il colosso delle vendite online da quasi 17 miliardi di euro l’anno finalmente guarda al nostro Paese come un mercato interessante. Infatti, i risultati dell’eCommerce nostrano, stando ai dati riportati dal rapporto di Netcomm del Politecnico di Milano, quest’anno registrano un 14 per cento in più rispetto al 2009.

di Greta Privitera
<p>Arriva Amazon in Italia, 8 mln di italiani fanno shopping
online</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Amazon sbarca in Italia. Il colosso delle vendite online da quasi 17 miliardi di euro l'anno finalmente guarda al nostro Paese come un mercato interessante. Infatti, i risultati dell'eCommerce nostrano, stando ai dati riportati dal rapporto di Netcomm del Politecnico di Milano, quest'anno registrano un 14 per cento in più rispetto al 2009. Cresce dunque il numero di italiani che fa acquisti online, da 7 a 8 milioni. Comprano biglietti aerei prenotano hotel, stipulano assicurazioni e comprano anche capi d'abbigliamento.

«Se arriva Amazon vuol dire che finalmente ci sono condizioni normative, logistiche e di mercato adeguate», spiega Roberto Liscia, presidente di Netcomm, «la loro acquisizione il 7 ottobre di Buyvip, fra i 5 più grossi outlet online italiani, è astato il primo passo. Adesso si tratta solo di aspettare il cambio di nome in Amazon.it». Una sorpresa scoprire che chi compra online sono solitamente uomini e donne fra i 40 e i 50 anni, e il 24 per cento supera i 55 anni. I giovani comprano online tramite i social network tipo Facebook.

Quello dell'eCommerce è un mercato che si sta allargando sempre di più anche se solo il 12 per cento della popolazione ha (per ora) acquistato qualcosa in rete contro il 64 per cento dei danesi, il 66 per cento degli inglesi e il 42 della media europea.

VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).